Che bella e suggestiva questa foto (anni ’50/60) di Noe’ Trevisani, provetto fotografo, amico e collega di mio padre.

Come commentarla? Scelgo una poesia del mio poeta locale preferito, Michele Ignazio d’Amuri, fine uomo di lettere e religioso.
Una poesia non proprio semplice,a voler sottilizzare, perché piena di ellissi,onomatopea,similitudine, enjambements ed anastrofe anche se scritta nel nostro dialetto.
Ma il D’Amuri, come ho scritto, era un “fine uomo di lettere”.
Versi molto amari nel finale ma,forse,… reali.

Cu lla prima frescura t’la matina
Pi lli enfiteusi ncegna la fati a:
si ffona int’alli gghjofi l’aratru
e.ogni vota ca gira a ssurcu nuevu,
com’esse ti la terra fumigante,
tu viti ca nna stella
cate n ponta allu vo’mmere t’argienntu.
Cantannu allegramente l’aratore
Ogni ttanta alla mula te’ nna voce:
retu,nnotru, cu uecchiu e ccu sapienza,
sciummedde ti semenza
pricannu ve’ int’alli aperti surchi,
ca parunu sibburchi…
…Ma l’omu e’ l’omu,piccinnodda mea,
e ccite e ccite.
Oh sienti nu cunzugliu:
ti l’omu sta luntana,
ca e’ cchju’ feroce ti la tigri ircana…
…tu he’ sape’,macenn la, ca ti l’omu
no ss’acchja nn’animale cchju’ feroce,
ci l’omu ha misu gesu’ Cristu n croce!