Tir e camion in coda sulla statale. Imprenditori e lavoratori dell’indotto di Ilva, Eni e Cementir dal piazzale del porto mercantile hanno marciato per le strade di Taranto, aderendo all’iniziativa di Confindustria per richiamare attenzione sull’emergenza che investe il sistema economico e produttivo della città. Gli operai hanno mostrato i cartelli con le scritte: ‘Indotto Ilva risorse esaurite’, ‘No alla desertificazione industriale’, ‘No alla città dei no’, ‘Tempa rossa + lavoro + sviluppo per il porto’. Dall’altra parte gli ambientalisti che a loro modo protestavano contro gli inquinamenti ambientali e contro il corteo promosso da Confindustria.