Situato a pochi metri da piazza Principe di Piemonte, ci ricorda Vincenzo Calò, un personaggio che ha lasciato grande rinomanza a Grottaglie.

Nato nel 1861 fu medico e si laureò a Napoli: successivamente svolse l’incarico di medico condotto ed ufficiale sanitario.
Durante il regime fascista ricopri varie cariche onorifiche, non ultima quella di Presidente della Regia Scuola Ceramica di Grottaglie.

Grande fu la stima che si conquistò, grazie alla sua indubbia bravura di medico ed alla sua bontà, generosità e disponibilità verso tutti.
Mori nel 1933 e nel 1934 la Scuola d’Arte fu intitolata al suo nome.

E’ scritto sul suo monumento:
Vincenzo Calo’
la mente alla scienza,
il cuore al popolo,
che qui lo volle vicino
come in vita”!

Credo che questa epigrafe sia stata dettata dal medesimo senatore Gaspare Pignatelli.