“Siamo arrivati al redde rationem di una serie di fibrillazioni politiche, pre e post elettorali. Ma a farne le spese sarà l’Agricoltura pugliese. Di fatto la Regione ha perso totalmente il timone del settore ed è prossima allo sbando”. Luca Lazzàro, presidente di Confagricoltura Puglia, commenta così la notizia delle dimissioni dell’Assessore Leonardo Di Gioia.

“La fase è delicatissima – spiega Lazzàro – La minaccia della xylella e i 300 milioni in arrivo per affrontarla; il nodo Psr che sembrava prossimo a sciogliersi e il rischio di disimpegno dei fondi sempre più vicino. La Puglia non può permettersi un’altra fase di stallo. Ma la Regione sembra non avere idea di quale strategia usare”.

In conseguenza delle dimissioni di Leonardo Di Gioia, secondo Confagricoltura Puglia, “l’Assessorato sarà letteralmente fuori controllo”. All’uscita di scena dell’assessore seguirà infatti la scadenza dell’incarico di Direttore generale del Dipartimento Gianluca Nardone e successivamente anche quello del Dirigente dell’Autorità di Gestione Luca Limongelli.  “A queste caselle vuote seguirà un vuoto operativo da parte della struttura?”, domanda Luca Lazzàro. “Confagricoltura si augura che questo immenso vulnus nell’organizzazione dell’Assessorato venga al più presto colmato, anche e soprattutto da una strategia d’azione complessiva per difendere e rilanciare l’Agricoltura pugliese: è questa l’unica logica che deve essere presa in considerazione”.