L’asino era “il mezzo di trasporto” più diffuso tra i contadini del XX secolo ed anche il più amato.

Lu ciucciu o la ciuccia, era quasi un componente della famiglia ed anche tra i più importanti, quello che, comunque, era considerato il più produttivo. Animale intelligente (molto più intelligente del cane, nonostante il suo nome sia diventato sinonimo di ignorante), paziente, affettuoso ed instancabile, veniva adibito ad ogni sorta di trasporto per le impervie stradine delle nostre contrade là dove nessun altro mezzo sarebbe mai potuto arrivare.

Su di lui si caricava di tutto: ortaggi, oggetti,materiali per costruire, legna per riscaldare. Non infrequente era era aggiogarlo all’aratro per appezzamenti di terreno. E poi, per lui non c’era pace: doveva sempre portare qualcosa o qualcuno sulle spalle, a cominciare dal suo padrone.
L’asino, un eroe millenario e simbolo della nostra civiltà contadina e delle tradizioni e culture dei popoli ancestrali del Mediterraneo…

Dopo tanti monumenti a “certi uomini che sono stati asini”, l’artista Nino Ucchino, a Palermo, ha elevato, finalmente, un monumento all’asino che è stato un vero “uomo”.

Ecco come l’asino viene celebrato in quella che è, forse, la più celebre canzone calabrese.

Ciangitilu ciangitilu
ch’è mortu u ciucciu miu
cussì ha vulutu Ddiu
e chi ‘nciavimu a ffà

Cu ragghiu chi faciva
pariva nu tenori
ciucciu bellu di stu cori
comu ti pozzu amà

Quandu ragghiava faciva
ia ia ia
ciucciu bellu di stu cori
comu ti pozzu amà

Avia nu sceccareddhu
ch’era na cosa fina
si la facia ragghiandu
da sira a la matina

Nu iornu immu a spassu
‘nci misi a brigghia d’oru
e ammenzu a ddhi signori
si misi poi a ragghià

Quandu m’è morta moglima
non ‘ndeppi dispiaciri
senza suspiri e lacrimi
le ietti a sutterrari

Mò chi m’è mortu u ciucciu
ciangiu cu gran duluru
ciucciu bellu di stu cori
comu ti pozzu amà

Quandu ragghiava faciva
ia ia ia
ciucciu bellu di stu cori
comu ti pozzu amà