Girolamo Sammarco è stato il fondatore del convento di S.Francesco di Paola nella nostra Grottaglie e proveniva da una famiglia abbiente locale.

L’anno di nascita e’ incerto: forse il 1497. Dopo essere entrato nell’Ordine dei Minimi, pochi anni dopo “li porto” a Grottaglie. Aveva conosciuto Padre Giuliano Genovesi che era stato compagno del fondatore dell’Ordine stesso, ovvero S. Francesco di Paola.
Ebbe una vita talmente pulita, umile ed esemplare che fu di modello per tutti coloro che lo conoscevano.
Purtroppo, dati i tempi, fu coinvolto in denunce presso il tribunale dell’Inquisizione e fu rinchiuso nel convento di Otranto.

Mori a 65 anni di eta’. Lo stesso giorno delle sue esequie giunse una lettera del Padre provinciale dell’ordine, con la quale veniva scagionato da ogni accusa.
Giuseppe Roberti, nel suo “Disegno storico” cita Antonio Serio (che era uno storico grottagliese che apparteneva anch’egli all’Ordine dei Minimi e che “notizio’ “ sul convento grottagliese) che scrive:” Visitava sempre a piedi i vari conventi della sua provincia e con spirito di ammirevole discrezione sapeva ottenere che in tutti i suoi atti di governo,massime nelle misure disciplinari,che talora doveva adottare, la severita’ delle correzioni non intiepidisse l’affetto filiale dei sudditi  ”.

Sempre secondo lo stesso studioso il nostro Sammarco mori’ mentre celebrava la messa e dopo aver pronunciato le parole dell’ultimo evangelo:”Et Verbum caro factum est”!