Sottolineando l’importanza della decisione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e dell’ENAC di individuare l’aeroporto di Taranto Grottaglie quale primo spazioporto italiano, scelta che deve costituire motivo di orgoglio per la Puglia, il Presidente Onesti ha evidenziato che l’industria aerospaziale nasce, cresce e si sviluppa con il contributo di tutti. “Se ciò è vero per tutti i settori economici – ha dichiarato –  questo è particolarmente importante per l’industria aerospaziale perché qui dobbiamo mettere insieme il massimo della ricerca, dell’innovazione, delle tecnologie con la collaborazione di enti pubblici, centrali e locali, nel tentativo di riconciliare i prodotti e i servizi che questo settore sviluppa con i bisogni umani. Tutto ciò senza dimenticare il vincolo di budget che le nostre organizzazioni devono rispettare. Le condizioni generali per lo sviluppo di un’industria aerospaziale qui sono tutte presenti: 1) la Pubblica Amministrazione e, più in generale, le Autorità pubbliche, a livello centrale e locale, Regione Puglia, Ministero delle Infrastrutture, Ministero delle Finanze, Ministero dell’Ambiente, ENAV, ENAC che hanno mostrato e mostrano grande sensibilità sui temi di cui discutiamo oggi; 2) un’istituzione, l’ASI molto attiva e attenta, che si muove sempre sulla frontiera della ricerca e delle soluzioni innovative, con i suoi logici e naturali collegamenti internazionali; 3) il mondo della ricerca, rappresentato anche dalle diverse università e centri di ricerca coinvolti”.

Il Presidente di Aeroporti di Puglia ha quindi rimarcato l’importanza e il ruolo assunto in questo contesto dall’aeroporto di Taranto Grottaglie. “Aeroporti di Puglia attua una strategia che punta alla valorizzazione delle rete aeroportuale pugliese, primo e unico esempio in Italia, cogliendo le vocazioni di ciascun aeroporto. Grottaglie è stata scelta come sito per lo spazioporto perché ha tutti i requisiti tecnici, di autorizzazione e ambientali adatti a questa destinazione. Oltre agli aspetti tecnici formali, Grottaglie ha anche una storia di attrazione da raccontare: è un catalizzatore per applicazioni e progetti legati all’economia spaziale – droni, iperdroni, satelliti e oggi voli suborbitali di persone e merci. Vorrei menzionare il Downstream dell’economia spaziale rappresentato dalle principali organizzazioni nazionali e internazionali che qui sperimentano: Leonardo, IDS, Boeing, Sipal, BlackShape, Sitael.”

In chiusura del suo intervento il Presidente Tiziano Onesti, nel ringraziare la Ministra per il Sud Barbara Lezzi, il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e quanti intervenuti si è rivolto a Sir Richard Branson, Fondatore di Virgin Group, sottolineando la capacità di accoglienza della terra pugliese: “Caro Sir Branson, oggi lei può vedere di persona quale sia la capacità di accoglienza di questa terra, del nostro Paese, capace di coniugare bellezze naturali, tradizioni culturali, sociali e cibo eccellente, con innovazione e sperimentazione ai massimi livelli. Per fare tutto questo – ha concluso il Presidente di Aeroporti di Puglia –  questo evento ci insegna solo un metodo: un metodo basato sul confronto, sulla costruzione, sulla condivisione, ad ogni livello e in ogni fase, perché solo uniti vinceremo tutti”.