Pubblicità in concessione a Google

Passeggiando per via Archita, strada a me particolarmente cara perché ad essa è legata gran parte della mia fanciullezza ed adolescenza, ti trovi di fronte a questo spettacolo!

Pubblicità in concessione a Google

Il suo autore (L.D.) è il medesimo proprietario della struttura, un valente ed elegante “operatore artistico” e maestro ceramico.
Linee curve, rette, spirali e cerchi che si intersecano formando decorazioni geometriche con un’ornamentazione plastica, cioè a rilievo, realizzata tramite la tecnica dell’incollatura.
E quelle decorazioni, a meandro (una decorazione, tipica dell’arte greca e romana, caratterizzata dalla ripetizione di un identico motivo decorativo che gli conferisce andamento tortuoso e sinuoso , come il vecchio fiume della Turchia), metope e triglifi, o lastre decorative cretesi-micenee, a simboleggiare l’infinito e l’unità (poco conta il nome), fanno in modo che la facciata, in maniera sorprendente, presenti un alleggerimento delle masse murarie sempre più progressivo, uno spessore ed uno sviluppo che si snelliscono sempre più procedendo verso l’alto, per terminare,con una guglia, in uno slancio finale ed ultimo, per accarezzare il cielo azzurro,le nuvole bianche e… Dio.

Un respiro, un ritmo, un tono, un’atmosfera talmente bella e suggestiva che non puoi fare a meno di fermarti ed ammirare questa valentia che, nella sua originalità ed abilità, ci rimanda ad un’arte antica (cretese/micenea) a cui sono molto legato e che esercita un fascino particolare su di me.

Pubblicità in concessione a Google