Pubblicità in concessione a Google

Ecco il bellissimo palazzo Scardino,coi suoi archi, le sue lesene,le sue paraste ,il suo balcone centrale con la ringhiera di spagnolesca memoria ed il suo imponente portale d’ingresso.

Pubblicità in concessione a Google

Armonica la simmetria tra quest’ultimo ed il soprastante balcone.

Una facciata che, a mio parere, è affascinante ancor di più alla sera, quando le tremule luci dei lampioni inondano ed avvolgono il suo prospetto, quasi cullando il suo riposo notturno, ed assumendo riflessi meravigliosi.

Situato nel centro storico grottagliese, adiacente all’irta salita del “Pinninu” (Pendio), te lo trovi di fronte all’improvviso, simile ad un impettito sovrano circondato da una corte di viuzze e “nchiosce”, testimonianza di “fasti” di antiche famiglie che hanno contribuito alla storia della nostra cittadina. Ogni suo muro ci potrebbe raccontare qualcosa come aneddoti, superstizioni, leggende… chissa’! Forse sarebbe il caso di porgere l’orecchio…

La presenza, la storia e la durata di questi edifici gentilizi nei secoli, prevale nettamente per importanza e la superiorità (per non parlare dell’armonica visione d’insieme che sembra ammonire e rimandare a tempi passati) rispetto al moderno. La sua architettura ben si amalgama e direi si “coniuga” in amplesso con quel bellissimo nostro centro storico di araba ascendenza, mentre nell’arco di qualche secolo, case popolari o scintillanti grattacieli non esisteranno più.

Il cemento, ormai, non dura più tanto, anche lui corroso, non solo dal tempo ma anche e soprattutto, dagli uomini !
Moltissime volte, non diamo grande importanza alle cose che vediamo ogni giorno e ci passano sotto gli occhi, quasi che, vedendole sempre, non rivestano alcun interesse.

Pubblicità in concessione a Google