Pubblicità in concessione a Google

Un ricordo che ti attira, ti concupisce, ti intriga, ti ammalia, dal momento che… cosa è mai la vita se non esiste il tempo? E cos’é mai il tempo se non esiste il ricordo? E cosa é mai il ricordo se non un “ritorno nel…cuore”?

Pubblicità in concessione a Google

Siamo in via Spirito Santo: una vecchia foto (un grazie all’amico Nicola Alfieri che me l’ha “concessa in uso”) di questo maestro di vita, Padre Campagna, gesuita, circondato da alcuni suoi “discepoli”! Tutti in giacca e cravatta, le linde camicie bianche, i visi puliti, lo sguardo semplice ed ingenuo, la medaglia della Congregazione Mariana al collo mostrata con orgoglio. Lo specchio di un‘epoca e di una società, certamente più serena e tranquilla di quella di oggi e…più pulita!

Capita, all’improvviso, di risentire dei profumi, degli odori, quasi di conoscerli, di riconoscerli e di vedere, immediatamente, una sorta di finestra aperta su momenti che, magari, avrebbero continuato a sonnecchiare senza quella fotografia. E’ stato proprio così! Profumi di entusiasmo, di spensieratezza, di giovinezza, di semplicità, di un abbraccio, del calore del sole, di meraviglia ed il tempo, per alcuni momenti, si ferma e si cristallizza, e ti riappare in tutta la sua bellezza e nostalgia o forse tristezza, nel medesimo istante!

E i ricordi sono come le foto ingiallite e scolorite dal tempo, e quando riaffiorano ti strappano un sorriso o una lacrima, perché sono la memoria storica di un tempo e…di noi stessi che non siamo più quelli di prima o, forse, lo siamo.

E l’incanto di quei giorni? Svanito, per lasciar posto alla più nostalgica… nostalgia…

E la nostalgia non e’ per quel luogo lontano ma per il tempo che li’ abbiamo trascorso: eravamo più giovani e più ingenui. E cosi’ il trascorrere del tempo ci truffa, perche’ si camuffa con la maschera dello spazio e si coniuga con la nostalgia.
O, forse, i colpevoli siamo proprio noi che ci illudiamo di illuminare le enormi stanze del passato con delle fiaccole ormai spente. Lasciamoci, quindi,,trasportare dai ricordi anche se le nostre mani non afferrano nulla e sono vuote, mentre l’incanto di quei giorni rimane solo… nella foto.

Qualche nome di cui sono certo:Medici E.,Racioppi A.,Petrini G.,Annicchiarico F.,Fanigliulo C.,Francescone E.,Lupo O.V.,Alfieri N.,Carlucci Sergio,Lanzillotta R.,Dell’Aquila N.,Enriquez A,D’Elia G,Chianura P.,Miccoli E.,Basile P.,Cofano V.,D’Elia A.,Francone C.,,Trani A.,Santoro,Spagnulo F.
Gli altri non citati… mi scusino

Pubblicità in concessione a Google