Pubblicità

Quando la tradizione orale si confonde col tempo che scorre, tra cultura, Storia, tradizioni, superstizioni e folklore!

PubblicitàPubblicità

Vi “regalo” per la lettura questo testo, scritto dal sig. Laino Damiano, grottagliese residente in quel di Palermo e cultore di tradizioni popolari, che me lo ha inviato.

Il sonno di San Giovanni

San Cciuanni mponnii, San Cciuanni sponni.
San Cciuanni turmiu tre ggiurni e tre nuetti ca ci s’era statu ddiscitatu era asquatu lu munnu.”

Ai bambini si diceva: “Nenna nenna tigghj fa nnu suennu cranni cranni, comu lu feci Cristu cu San Cciuanni.”

Se un bambino sta dormendo a lungo la mamma potrebbe esclamare: “Ehia cu nno ssi ddescita!” e qualcuno gli potrà replicare: “Eh! Ste ffaci lu suennu ti San Cciuanni.

Il protettore dai temporali

Quando vi è in corso un temporale e vi sono i tuoni, a Grottaglie, è consuetudine invocare San Giovanni, lanciando dei pezzi di pane fuori dalla finestra sulla strada.

Mia nonna, Grazia Anastasia, precisa: solo i bambini possono compiere tale gesto perché sono anime innocenti affinché possano allontanarsi “LI SPIRITI FAMIGLIARI”. Ricorda con esattezza che così gli era stato insegnato da suo padre Saverio “LU SCIUMMUTU”.

Continua mia nonna: nelle nubi si intromettono tali spiriti causando temporali, grandinate ecc. e per mezzo dell’atto dei bambini essi si allontanano e come risultato si ha la fine del temporale.

Ricorda ancora che allo spirito si diceva: “Vabbanni a mmari a mmari a quera grotta scura,
ddo no ccanta iaddu e ddo no lluci luna ca no ffaci mali a nnisciuna criatura.”
Ricorda ancora una vecchia poesia dove compare ancora la figura del Battista:
“Verbu ti Ddiu vuleva tiri,
Verbu ti Nostru Signori Gesù Cristu,
alla valla ti Ggiosafatta,
tre anni appriessu vulea stà.
Quant’è bbella quella croci, quant’è bbella e quant’è ffina,
e mo scenni San Cciuanni cu llu libbru alli mani
e vve ticennu piccatori e peccatrici.
A cci sapi lu Verbu ti Ddiu cu ssi lu tici,
ci no llu sapi cu s’lu tegghja mparà
ca a ggiornu ti ggiutiziu bbisognerà.
Pi nnui stonu rruccati quattru cosi
Si cucchierannu lu zzurfu cu lla peci,
li troni cu lli lampi nni bbrucerannu.
Mo scenni matri Maria int’a st’eredi
E tici: Figlio pirdona piccatori e piccatrici.
E Gesu’ rispondi: Mamma mea no lli pozzu pirdunà
perché sono ignoranti e no sanno che dinnu,
iastemunu cchiu’ la notti ca la tia
no lla temunu la nostra signuria.
Comu tremla la fronna tl’alia
Ccussì tremerà la nostra compagnia,
comu tremla la fronna dell’orto,
ccussì tremerà il nostro corpo”.

Mi spiace, ma non lo traduco in lingua italiana, perché essa non renderebbe appieno il fascino e l’immediatezza lessicale del dialetto.