Quando una foto produce fascino, sia perchè testimone del tempo passato, sia per l’abilità del suo “fattore”, in questo caso la maestria indiscussa del nome “De Vincentis” che è una garanzia nel senso della qualità e della professionalità. La foto è tratta dal profilo facebook di Nino De Vincentis, grande fotografo scomparso da poco.

Ecco un matrimonio sospeso nel tempo,in una bella e suggestiva foto : siamo a Grottaglie, nei ruggenti anni ’20,in un’atmosfera chic e struggente per la lontananza temporale.
Il dritto vestito della sposa in tessuti scivolosi,che accarezzano e fasciano il corpo senza troppi fronzoli mentre l’abito classico dello sposo ha di rigore il papillon nero.

Nelle mani femminili, piccoli fiori, con un bouquet universale adatto a tutte le persone e in armonia con l’abito. Da notare i capelli delle signore, agganciati al periodo: il “Bob”, una sorta di caschetto corto, in cui i capelli non superano i lobi delle orecchie, e che può essere declinato in diverse versioni, con onde morbide, rigide e piatte o dritto con la frangetta. Tra gli anni ’20 e gli anni ’30, i capelli sono così, corti e ondulati o lisci, dal taglio netto e le acconciature si arricchiscono di accessori preziosi, diademi e cappellini.

Chi sono questi signori ? Non ne ho la più pallida idea…