Pubblicità in concessione a Google

Una foto che, col suo suggestivo bianco/nero, ci riporta indietro nel tempo,quando i pantaloni erano sporchi per la fatica e pieni di toppe,le coppole sulla testa ed i visi raggrinziti dal sole e dalla pioggia.

Pubblicità in concessione a Google

Una piazza “vivificata” e resa umana dai tanti “cafoni”, che vi sostavano sia per trovare il prezioso lavoro giornaliero sia per scambiare due chiacchiere: e i bambini vi giocavano con la fantasia ed i piedi scalzi.
Una piazza meravigliosa,pregna di Storia: forse neppure noi grottagliesi ci rendiamo conto appieno del suo fascino e della sua bellezza! Attorno alla imponente e suggestiva Chiesa Matrice, dedicata alla SS.Annunziata e caratterizzata da un meraviglioso rosone romanico e da un portale affascinante, sotto il quale si stende una scalinata a cielo aperto, sorgevano le sedi delle numerose congreghe religiose che fino agli anni ‘50 del secolo scorso,erano fondamentali per la popolazione che ci viveva: come non ricordare una antichissima taverna del ‘600 trasformata in Oratorio accanto all’edificio del Purgatorio e, trasversalmente ad esso, la congrega del Nome di Gesù.

Insomma, non una semplice piazza, ma un macro/microcosmo, quasi uno scenario sul quale si svolgeva l’attività della collettività, uno “speculum” sincero ed affidabile delle emozioni del cittadino, un posto in cui sostare per essere riscaldati dai caldi raggi del sole, un luogo dove si incontrava la cultura e la storia, un luogo dove le emozioni singole potevano tramutarsi in manifestazioni collettive dell’orgoglio comunale.
Poi arrivarono i Barberini…

E oggi, nel XXI secolo?
La piazza,in generale, ha perso la sua funzione, sostituita da varie ἀγορά telematiche”, infarcite di motivazioni sociali immaginative che favoriscono l’anonimato e lo pseudo scambio di interessi e motivazioni.
E’ ancora un luogo che rimanda a eventi, processi, strutture, idee, sentimenti, di un passato che non passa, si sedimenta, per poi essere letto da angolature, attraverso filtri e con finalità differenti?

Il solito “tempo galantuomo” darà la sua risposta.

Pubblicità in concessione a Google