15 macchine automatizzate di ultima generazione, selezioneranno e ridurranno il volume di bottiglie in Pet, flaconi, e lattine in alluminio.

Ad ogni conferimento rilasciano in cambio uno scontrino sul quale è indicato un valore che corrisponde a un buono sconto da spendere nei negozi convenzionati. E’ questa l’ultima sfida che l’Amministrazione D’Alò lancia per incentivare a differenziare i rifiuti.

Si tratta di punti di conferimento che sono stati posizionati su suolo pubblico e che saranno presidiati e/o controllabili o monitorati con dispositivi di vigilanza (videocamere) installati e mantenuti a cura e spese da parte della ditta che si occuperà del servizio per 5 anni, al fine di evitare che presso gli stessi vi sia abbandono incontrollato di rifiuti.

Come funzionerà?

L’ecocompattatore  è connesso a Internet e, grazie ad un applicazione, raccoglie e analizza i dati dei conferimenti in tempo reale. I dati permettono di conoscere e prevenire le reali necessità del cittadino/cliente e dare dunque risposte adeguate e tempestive.

Non solo differenzia ma taghetizza e profila l’utente

Secondo le informative dell’azienda installatrice gli Enti Pubblici possono creare e pianificare strategie politiche mirate, e i commercianti possono orientarsi verso scelte di marketing sempre più efficaci. Ad esempio il Comune potrà decidere di premiare le famiglie più virtuose, mentre un centro commerciale saprà sempre quale tipologia di prodotto vende di più. Dove e a chi.

Il servizio è di Riciclia, azienda italiana che opera nel campo del riciclo incentivante con sede a Vigodarzere in provincia di Padova.

Sconti e promozioni

Al momento non ci conoscono ancora i dettagli, visto che il progetto sarà presentato nei prossimi giorni. A Palagiano, dove già è attivo, su ogni pezzo conferito viene corrisposto 5 centesimi di sconto: con 10 bottiglie (o flaconi o lattine) si ha una riduzione di 50 centesimi spendibili su una spesa minima di 10 euro (e multipli).

Sostituiranno le campane?

Come dicevamo alcuni mesi fa ci auguriamo che questi possano sostituire finalmente le campane gialle, verdi e bianche sparse in tutte le città, diventate ormai ricettacolo di ogni rifiuto possibile.

Decoro Urbano

Oggettivamente l’installazione sulle piazze risulta esteticamente antipatico. Un esempio su tutti è quella su Piazza Verdi. Una zona che già necessità di un urgente lavoro di maquillage e che, con l’installazione di questa casette, abbassa ancora di più il suo profilo estetico.

Ideale sarebbe che siano installate nei pressi dell’Isola Ecologica. In zone quindi dedicate a raccogliere e accogliere già i cittadini che conferiscono in modo adeguato.