Con un grande evento torna la stagione concertistica del Comune di Castellaneta, una manifestazione organizzata in collaborazione con la Pro Loco di Castellaneta e l’Orchestra ICO Magna Grecia.

Al Teatro Valentino sarà di scena il “cantattore” Simone Cristicchi che interpreterà “La buona novella” di Fabrizio De André, proposta in una inedita versione per orchestra sinfonica e coro “scritta” da Valter Sivilotti, il musicista che per Simone Cristicchi ha composto anche le musiche di “Magazzino 18”. L’attesissimo concerto si terrà martedì prossimo, 28 aprile, alle ore 21.00 presso il Teatro Valentino di Castellaneta: info e prevendita presso la Pro Loco Castellaneta, in via Vittorio Emanuele n. 89 (cell. 338.6572272). Il costo del biglietto per “La Buona Novella” è di 16€ al botteghino, più 1€ di prevendita; possibile anche acquistare a 20€ un miniabbonamento che comprende anche il concerto “Rhapsody in Blue”, con Pierluigi Camicia e l’Orchestra Magna Grecia diretta da Michele Nitti, che si terrà il 6 maggio prossimo

“La buona novella” con Simone Cristicchi è una prestigiosa produzione dell’Orchestra ICO Magna Grecia, presentata in “prima assoluta” tre settimane addietro a Taranto nel Mysterium Festival 2015, spettacolo che ha registrato un grande successo di pubblico e di critica.
In una straordinaria performance teatral-musicale, al Teatro Valentino di Castellaneta tornerà a misurarsi con questo capolavoro di Fabrizio De André il “cantattore” Simone Cristicchi, consacrato dalla critica come l’artista italiano contemporaneo più completo, capace di coniugare teatro civile e musica in un “Musical-Civile” che fa da capo-genere.
In questa inedita versione sinfonica de “La buona novella”, con Simone Cristicchi sul palco del Teatro Valentino ci saranno l’Orchestra ICO Magna Grecia e il Coro del Liceo Musicale “Archita” di Taranto diretti da Valter Sivilotti, il musicista che ha composto la partitura di questa nuova versione sinfonica.

Si tratta di una nuova produzione de “La buona Novella” di Fabrizio De André, nata da un’idea di Valter Sivilotti e Giuseppe Tirelli, con testi di don Andrea Gallo e don Pierluigi Di Piazza, che ha ottenuto il patrocinio morale della Fondazione “De André” Onlus di Milano.
L’impianto musicale di base è quello del lavoro discografico di Fabrizio De André, al quale è stata aggiunta la canzone “Gesù” cantata dallo stesso De André prima ancora di incidere “La buona Novella”.
Nell’occasione il musicista Valter Sivilotti ha curato una profonda “elaborazione” della partitura di De André operando un procedimento di destrutturazione delle combinazioni armoniche originarie, risalenti ormai a 45 anni fa, e ricostruendo ex novo il tessuto musicale dell’opera; Sivilotti ha così ottenuto una “nuova” partitura de “La buona novella” caratterizzata da una combinazione timbrica “contemporanea”.
Simone Cristicchi reciterà anche un inedito monologo, drammatico e ironico allo stesso tempo, in cui “fantastica” il ritorno sulla terra di Gesù, facendogli vivere la stessa Via Crucis degli “ultimi” di oggi: considerato “clandestino”, Cristo sarà prima inviato in un centro di identificazione ed espulsione, finirà poi in carcere e, infine, tra i clochard in una stazione, non prima di aver visitato un negozio di informatica, nuova cattedrale del moderno “dio-computer”.
È la denuncia forte del “cantattore” Simone Cristicchi nei confronti di una società sempre più lontana del messaggio evangelico, una società che ha dimenticato il comandamento “ama il tuo prossimo come te stesso”, un monologo che presenterà una figura nuova e innovativa di Gesù.

D’altronde, quarantacinque anni addietro anche Fabrizio De André, nel suo concept album “La buona novella”, fece emergere, partendo dalla lettura dei Vangeli apocrifi, la vocazione umana e terrena, quindi provocatoria e rivoluzionaria, della figura storica di Gesù di Nazareth.