Medical doctor isolated on white

Secondo l’osservatorio Arno della società italiana di Diabetologia, gli italiani diabetici sono circa 4 milioni e si stima che un altro milione sono quelli non diagnosticati.

Il diabete, a livello globale, è una vera e propria epidemia e nei prossimi anni è destinata a crescere soprattutto fra la popolazione con oltre 40 anni.

L’informazione e la sensibilizzazione costituiscono il primo importantissimo passo da compiere. Con semplici ed economici mezzi è possibile diagnosticare la presenza o il rischio di diabete e con pochi cambiamenti dello stile di vita, è possibile prevenirlo o in alcuni casi curarlo.

“Occhi sul diabete” è il tema della Giornata Mondiale del Diabete 2016 istituita nel 1991 dall’International Diabetes Federation e dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che si celebra il 14 novembre. Quest’anno gli eventi si concentreranno nella settimana che va dal 7 al 13 novembre dove, in circa 500 città d’Italia, saranno centinaia gli eventi organizzati da associazioni di persone con diabete, medici, infermieri, altri professionisti sanitari e istituzioni.

Anche a Grottaglie, in Piazza Principe di Piemonte, il 13 novembre dalle ore 9:00 alle ore 13:00, il Comitato della Giornata Mondiale per il Diabete sarà presente con il Presidio Diabetologico. Tutti i cittadini, gratuitamente, potranno ricevere materiale informativo per la prevenzione e cura della malattia, consulenza medica qualificata e potranno avere una valutazione del rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Le iniziative volte a informare e a sensibilizzare sulla necessità e importanza della prevenzione di patologie come il diabete – afferma Marianna Annicchiarico, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Grottaglie – non possono che trovare appoggio da parte dell’amministrazione perché incontrare e confrontarsi con medici e operatori specializzati nel settore costituisce un dovere verso se stessi oltre che nei riguardi della collettività. Il benessere di ognuno passa primariamente dalla conoscenza dei rischi cui s’incorre quando si trascurano alcuni segnali e non si adottano comportamenti alimentari e stili di vita corretti nonché dalla valutazione di ogni strumento servizio o struttura che possano garantire le necessarie cure per chi è già interessato da tali problematiche di salute.

Si invita la cittadinanza tutta ad aderire alla giornata di sensibilizzazione per la prevenzione del diabete ponendo il giusto equilibrio tra il diritto alla cura e il dovere alla prevenzione”.