A Grottaglie un Monumento in memoria di tutte le vittime di Covid-19

Un manufatto-racconto di metallo, ceramica e rame, come ricordo del passato e monito per il futuro

1235
Pubblicità in concessione a Google

Dopo lunghi mesi di preparazione, il monumento in memoria di tutte le vittime del Covid-19 è stato posto in opera all’interno del cortile della sede di via Ennio del Liceo Moscati di Grottaglie.

Pubblicità in concessione a Google

Realizzata in acciaio, con inserti in rame e ceramica, l’opera ci ricorda il tempo sospeso in cui il mondo è stato flagellato dalla epidemia di Covid-19, lunghi mesi in cui tanti hanno riscoperto abitudini antiche, come cuocere il pane in casa o realizzare maglie all’uncinetto. Un tempo in cui molto di ciò che lavorativamente svolgevamo all’esterno è stato adattato ai limiti – a volte angusti – delle nostre abitazioni, un tempo lento in cui anche gesti semplici come tagliarsi i capelli o radere la barba assumevano un nuovo significato.

Un manufatto che è anche racconto

E’ questo tempo dilatato che Mimmo Annicchiarico ha voluto testimoniare con questo “manufatto- racconto”, come preferisce definirlo, realizzato con l’impegno di numerosi valenti artigiani e grazie alla collaborazione di numerosi sottoscrittori, che hanno aderito al progetto de “La Tela e la Barba”.

Un globo realizzato con fasce di acciaio corten, materiale speciale che si protegge grazie all’ossido che sviluppa superficialmente, trafitto da aguzzi ferri da calza che ne costituiscono il basamento, vivacizzati da colori smaltati.

All’interno una colomba, simbolo di rinascita alla vita e di un mondo nuovo dopo il diluvio, come nei racconti biblici del diluvio universale. In basso un contenitore di ceramica, in cui sono conservate le ceneri della combustione di alcune di quelle lunghe maglie, tessute nei mesi del distanziamento sociale.

Testimonianza e meta

Un “manufatto-racconto” che vuole essere testimonianza di un periodo passato ma anche un luogo di riflessione sul presente e di monito verso il futuro, non a caso piazzato nel cortile di un edificio scolastico, un luogo facilmente raggiungibile ma in cui – allo stesso tempo – non si giunge per caso. Un luogo centrale in città ma che offre lo spazio necessario ad una sosta muta e raccolta. Un luogo semplice e potente, in cui il sapere di chi ci ha preceduto si trasmette alle donne ed agli uomini di domani.

 

Pubblicità in concessione a Google