vaccino
Pubblicità in concessione a Google

In Asl Taranto, la campagna vaccinale prosegue seguendo il cronoprogranma. Ieri è stata raggiunta la quota di 411.939 dosi totali somministrate: rispetto a questo dato, quasi 143mila utenti hanno completato il ciclo vaccinale.

Pubblicità in concessione a Google

Nell’ambito di questi dati, si segnalano 997 dosi somministrate in ambulatorio a cura dei medici di medicina generale e 70 dosi a domicilio per pazienti fragili non deambulanti.

Per quanto riguarda invece gli hub vaccinali, in mattinata stati somministrate quasi 3500 dosi di vaccino, così distribuite: a Taranto 546 presso lo SVAM, 402 dosi presso l’Arsenale e 506 dosi al PalaRicciardi; 404 dosi a Martina Franca, 380 dosi a Grottaglie, 394 dosi a Manduria, 460 dosi a Massafra, 404 dosi presso l’hub di Ginosa.

Nel pomeriggio di ieri sono state somministrate quasi 3mila dosi così distribuite: a Taranto, 149 dosi presso lo SVAM, 283 dosi all’Arsenale e 228 presso l’hub PalaRicciardi, 616 seconde dosi presso Porte dello Jonio; 278 dosi a Martina Franca; 334 a Grottaglie; 356 dosi a Manduria, 307 a Massafra e 426 dosi a Ginosa.

Stamattina lo splendido chiostro del SS. Crocifisso ha riaperto i propri battenti e si è trasformato in sede vaccinale: il Dipartimento di Salute Mentale della Asl Taranto, con il supporto del Dipartimento di Prevenzione, ha infatti organizzato una seduta di somministrazione dei vaccini anti Covid-19 dedicata ai propri operatori e utenti che hanno potuto così assaporare un graduale ritorno alla normalità. Nello spazio opportunamente organizzato per l’anamnesi, la somministrazione e l’osservazione, sono state così vaccinate circa 120 persone. Gli operatori e gli utenti interessati sono stati suddivisi in fasce orarie, così da evitare assembramenti o attese.

Questo appuntamento è il quarto tra quelli dedicati ai pazienti fragili afferenti al circuito della salute mentale. Sono state già completate le somministrazioni per gli utenti delle strutture residenziali e, con l’appuntamento di oggi, sono oltre quattrocento gli ospiti di circa trenta strutture riabilitative raggiunti.

Pubblicità in concessione a Google