Pubblicità in concessione a Google

A Grottaglie, come in tutti i Comuni con più di 15.000 abitanti partecipanti al ballottaggio di domenica 19, si vota sempre con una sola scheda, sulla quale saranno già riportati i nominativi dei candidati alla carica di Sindaco e i simboli delle liste che lo appoggiano.

Pubblicità in concessione a Google

Come per il primo turno delle elezioni, svoltosi il 5 giugno scorso, anche per iL ballottaggiO si voterà in una sola giornata, con i seggi aperti dalle 7:00 di mattina alle 23:00. Lo spoglio che avverrà immediatamente dopo la chiusura delle votazioni.

Per votare l’elettore dovrà recarsi presso il seggio di appartenenza (indicato sulla tessera elettorale) munito del documento di identità e della tessera elettorale. In caso questa sia scaduta potrà rinnovarla recandosi negli uffici elettorali del Comune di residenza.

Una volta entrato nella cabina elettorale con la scheda elettorale che gli è stata consegnata, l’elettore dovrà segnare con una X sul candidato sindaco che preferisce. Non sono ammessi segni di riconoscimento o scritte di qualsiasi tipo, perché in questo caso il voto viene annullato. Inoltre, non si può assolutamente fotografare la scheda elettorale all’interno della cabina, perché è un reato punibile anche con il carcere.

Mentre per essere eletti al primo turno era necessario ottenere la maggioranza assoluta dei voti, al ballottaggio verrà eletto il candidato che ha ottenuto la maggioranza dei voti. Nel caso straordinario in cui i due candidati ottengano lo stesso numero di voti, verrà nominato sindaco quello anagraficamente più vecchio.

Per stabilire la composizione del Consiglio si tiene conto dei risultati elettorali del primo turno e degli eventuali ulteriori collegamenti nel secondo. In pratica, se la lista o l’insieme delle liste collegate al candidato eletto Sindaco nel primo o nel secondo turno non hanno conseguito almeno il 60% dei seggi ma hanno ottenuto nel primo turno almeno il 40% dei voti, otterranno automaticamente il 60% dei seggi.
I seggi restanti saranno divisi tra le altre liste proporzionalmente alle preferenze ottenute.

Pubblicità in concessione a Google