La truffa dello specchietto non va mai in pensione. E’ quanto informa la Polizia di Stato tenendo alta l’attenzione su una delle truffe più diffuse.

Cosa succede?

Mentre si viaggia in auto si sente un piccolo colpo e subito dopo si affianca una vettura e il conducente accusa di aver avuto la rottura dello specchietto.

La falsa proposta

Propone subito il risarcimento del danno in contanti per non coinvolgere l’assicurazione.

Uno degli ultimi casi

Con questo espediente, un giovane ha truffato diverse persone lungo l’autostrada A/4. Le vittime erano in genere ragazze che viaggiavano da sole e intimorite cadevano nella trappola, finché una ha finto di dover andare a prelevare il denaro necessario e invece ha chiamato la Polizia stradale, smascherando così il truffatore. Dopo questa segnalazione, i poliziotti della Stradale di Vercelli e quelli di Novara hanno ricostruito tutti gli spostamenti nel tratto autostradale dell’indagato con la sua macchina. Sia attraverso le entrate e uscite dai caselli, sia tramite le riprese delle videocamere sulla tratta. Hanno scoperto che in quella mattina aveva usato lo stesso trucchetto con ben 4 persone. Mantenete sempre alta la guardia e denunciate