Il Circolo cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà “Tina Modotti” di Montemesola, ha ricevuto in questi giorni, numerose segnalazioni di cittadini che si sono visti privare gli accessi di alcune strade comunali, che sembrerebbero occluse e/o già utilizzate per uso agricolo.

A renderlo noto è un comunicato dello stesso circolo SEL a firma di Veronica Blasi, che prosegue: «E’ il caso della “strada comunale Taranto-Montemesola” insistente a confine dei fogli di mappa catastale n. 16 e n. 19 del Comune di Montemosola.
 Da una prima verifica, eseguita con l’ausilio di foto aeree, parrebbe che, detta strada, sarebbe, di fatto, non più accessibile al pubblico, né tanto meno da molti cacciatori e agricoltori che, un tempo, l’avrebbero utilizzata per l’accesso, sia in aree di caccia autorizzate, che ai fondi agricoli.
 A questo punto, non è chiaro se, il Comune di Montemesola, avesse già provveduto alla trasferimento a privati delle particelle catastali interessate dalle strade, se esistano eventuali atti pubblici per la compravendita, oppure, se trattasi di eventuale appropriazione di demanio pubblico non autorizzato.
Alcune domande, a questo punto, se questa storia fosse vera, sarebbero necessarie e noi di SEL le vogliamo formulare insieme con quei cittadini di Montemesola, che hanno dimostrato molto interesse e partecipazione su questo argomento, fornendo supporto anche con documentazione in loro possesso.


Perché, ancora una volta, i cittadini di Montemesola, si sarebbero visti negare un proprio diritto, senza esserne a conoscenza e senza essere interpellati? 
Chiede il comunicato di SEL. Perché si permetterebbe ai nostri amministratori, di compiere scelte arbitrariamente e spregiudicatamente contro gli interessi della comunità?
Perché non si ha la forza di reagire di fronte a chi disporrebbe del nostro territorio come se fosse suo?
La risposta è che, ancora una volta, gli amministratori di questo comune avrebbero rivolto le loro attenzioni verso altri interessi, escludendo dalla scena i suoi cittadini, senza ricadute sul territorio!
Se quanto rilevato fosse appurato dalle autorità competenti, saremmo di fronte ad un’ammissione di negligenza di qualunque amministrazione comunale che male amministra o ha amministrato, (a questo punto non sappiamo di chi siano le responsabilità), privando di una strada al proprio territorio, senza avere nemmeno il pudore, l’onestà e la trasparenza di chiedere ai propri cittadini un parere offrendo in cambio un’altra possibilità di ricaduta positiva per tutti.
Di quale altro fatto o misfatto si avrebbe bisogno ancora per capire che è tempo di cambiare mentalità, di essere cittadini attivi e di ribellarsi a questo modo di fare amministrazione del territorio.
Scelte prepotenti e responsabili di amministratori, che invece di amministrare il territorio, far crescere dignitosamente le aspettative di tantissimi giovani, li lasciano vivere disagiati, emarginati, frustrati, alla ricerca di un posto dove andare, dove incontrarsi e dove poter condividere insieme idee sullo sviluppo economico e sociale di questo piccolo centro cittadino della provincia Jonica.


Cittadini di Montemesola SVEGLIATEVI!
 Tante sono state le amministrazioni che hanno promesso cambiamenti conclude il comunicato del circolo SEL di Montemesola, tantissimi anni sono ormai trascorsi, che cosa avete visto di diverso?
Che cosa è accaduto nel frattempo? Niente!
Stiamo andando lentamente verso il baratro!»