«Sono passati quasi 300 giorni da quando ARPA Puglia ha presentato alla Cabina di Regia lo studio sullo stato ambientale del Mar Piccolo propedeutico alla sua bonifica. Uno studio rimasto “segreto” fino ai primi di novembre quando, finalmente, dopo mesi di insistenze di Legambiente e richieste di accesso agli atti, nostre e di altri cittadini di Taranto, ARPA ha potuto renderlo noto.» E’ quanto afferma la stessa Legambiente Taranto sul suo sito internet.

«Da quando è stato reso pubblico – ricorda la nota di Legambiente Taranto – sono passati quasi tre mesi, ma di interventi concreti che vadano nella direzione della bonifica del Mar Piccolo continua a non esserci traccia. Non c’è traccia neanche di un confronto pubblico sulle ipotesi in campo e sulle indubbie problematicità che esse presentano, considerato che per anni sul Mar Piccolo si sono riversati gli effetti delle attività dell’Ilva, dell’Arsenale e della Marina Militare.

Nell’ultimo decreto Ilva, all’esame del Senato, anzi sono contenute che non possono non destare una forte preoccupazione. Nel decreto infatti è previsto che il Commissario straordinario per la bonifica debba predisporre un Programma di misure, a medio e lungo termine, per la bonifica, ambientalizzazione e riqualificazione dell’intera area di Taranto, ma non viene fissato alcun termine per la relativa predisposizione, né vengono stanziate risorse aggiuntive.

Forte – prosegue la la nota di Legambiente Taranto – appare il rischio che il tempo continui a trascorrere inutilmente senza che vengano effettuati i rilevanti interventi necessari per la bonifica del mar Piccolo e che le risorse stanziate con decreto-legge 7 agosto 2012, n. 129, convertito dalla legge 4 ottobre 2012, n. 171, già insufficienti, possano essere “distratte” e utilizzate per altre operazioni di bonifica pure necessarie, ma cui andrebbero destinate risorse aggiuntive rispetto a quelle finora individuate.

Chiediamo quindi che:
– come per altri interventi previsti per Taranto dal decreto, venga fissato un termine ravvicinato – 30 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione – per la predisposizione del Programma di bonifica,
– venga specificato che le risorse stanziate per la bonifica del mar Piccolo restano destinate alla urgente attuazione dei primi interventi di bonifica del mar Piccolo stesso,
– si stanzino ulteriori risorse per la bonifica dell’area di Taranto.

Sono passati sei mesi dalla nomina dell’attuale Commissario per le bonifiche di Taranto, la dottoressa Vera Corbelli. “Il mio obiettivo è dare risposte al territorio e alla popolazione che finora ha visto ben poco” è una sua recente dichiarazione apparsa sulla stampa.

Alla dottoressa Corbelli – conclude la la nota di Legambiente Taranto – torniamo a chiedere un incontro: la bonifica del Mar Piccolo non può continuare ad attendere nel silenzio e – per ora – i fatti “stanno a zero”