“Con una nota inviata al Dipartimento delle Politiche di coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, come Assessorato allo Sviluppo economico,  abbiamo chiesto delucidazioni  indispensabili in questa delicata fase di di istituzione delle Zes interregionale“, è quanto annuncia Mino Borraccino, assessore regionale.

“Con DGR n. 1442 del 2 agosto 2018 la Giunta Regionale pugliese, in sede di prima attuazione della legge n. 123/2017, di conversione del D.L. 91/2017, articoli 4 e 5, ha approvato la proposta progettuale di istituzione della ZES Zona Economica Speciale Interregionale Ionica, con in capo l’autorità portuale di Taranto. 

A seguito della partecipazione di rappresentanti del nostro Assessorato  al workshop organizzato a Roma,il 6 e 7 novembre scorso, dalla Commissione Europea tramite il Servizio di Assistenza per le Riforme Strutturali (SRSS) su richiesta della Presidenza del Consiglio dei Ministri, al progetto “Supporto per l’istituzione di Zone Economiche Speciali in Italia”, gli Uffici dell’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia  hanno trasmesso un documento di completamento, come richiesto dal Team EY Advisory.

Nell’apprezzare tale metodo di condivisione e collaborazione e nella convinzione che le ZES rappresentino per il territorio di questa regione uno strumento indispensabile per favorire le politiche regionali di sviluppo economico, competitività e innovazione dei sistemi produttivi, abbiamo chiesto di conoscere se vi siano ulteriori elementi chiarificatori che i tecnici dell’Assessorato possano predisporre al fine di avviare celermente le fasi successive previste dalla norma”, aggiunge l’Assessore regionale Mino Borraccino.

“Contiamo di colmare  presto  queste esigenze operative, per consegnare ai pugliesi anche questo strumento, importante per accelerare lo sviluppo economico dei nostri territori, creare nuovi posti di lavoro, attirare investimenti stranieri”, conclude.