Pubblicità in concessione a Google

«Da alcuni giorni, con una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro, è attivo il bando regionale Community Library, il primo step del progetto SMART-IN volto al rilancio del patrimonio culturale attraverso la valorizzazione, la fruizione e il restauro dei beni culturali pugliesi. È davvero uno strumento legislativo molto utile ed innovativo, sperando che saranno tanti i soggetti interessati che risponderanno al bando.» Lo rende noto il consigliere regionale Mino Borraccino, presidente della II Commissione (Affari Generali e Personale) Regione Puglia.

Pubblicità in concessione a Google

«”Community Library” – spiega l’esponente ionico di Sinistra Italiana – è rivolto ad Enti locali, Scuole pubbliche, Università, proprietari di istituti e luoghi di cultura pubblici o privati senza scopo di lucro, che hanno la possibilità di presentare dal 16 giugno 2017 al 31 luglio 2017 e dal 28 agosto 2017 al 10 ottobre 2017, progetti per la realizzazione di innovative biblioteche di comunità.

Sarà possibile quindi, da parte di queste istituzioni, chiedere finanziamenti per adibire alla funzione di biblioteche pubbliche beni immobili, anche di una certa importanza, che con opere di recupero e restauro possono diventare nuovi spazi godibili, forniti di strumenti e attrezzature tecnologiche innovative adeguate. Nuovi luoghi che abbiano la capacità di aggregare, stimolare e diffondere la cultura, attraverso la promozione della lettura.

Il bando punta anche alla sperimentazione di nuove esperienze ludiche e culturali, come quella dello scambio di libri o della lettura collettiva di storie che possono essere oltre che narrate, anche sceneggiate e disegnate. Occorre recuperare un gap che oggi vede l’Italia, e quindi anche la Puglia, ancora troppo indietro per numero di lettori.

Un bando versatile quindi – conclude Borraccino – che grazie al carattere innovativo stimola la cultura, ma avrà anche la possibilità di creare occupazione e dare sviluppo immediato e proiettato nel futuro.»

Pubblicità in concessione a Google