Caronte infuoca la Puglia: fino a 42°. Grottaglie umidità al 92%

3575
Pubblicità in concessione a Google

Mentre le regioni settentrionali saranno alle prese con il vortice Circe, responsabile di maltempo violento su molte aree, andrà concretizzandosi sulle regioni meridionali, la fase più rovente legata all’anticiclone Caronte.

Pubblicità in concessione a Google

In questa sede vediamo, nel dettaglio, le aree più colpite dalla fiammata nordafricana traghettata da Caronte.

SEMPRE PIU’ CALDO AL SUD TRA MERCOLEDI’ 28 GIUGNO E SABATO 1 LUGLIO – Innanzitutto va detto che la fase di caldo intenso è attesa tra Mercoledì 28 Giugno e Sabato 1 Luglio. Quindi sarà questo finale di mese ad essere incendiato dalla massima espressione di Caronte.

CIRCE INDIRETTAMENTE RESPONSABILE ANCHE DAL CALDO ROVENTE AL SUD – Il tutto deriverà dall’affondo del vortice Circe sul Mediterraneo centro-occidentale con anse cicloniche che si spingeranno fin verso le aree marocchine e settentrionali algerine.

Tale affondo andrà a sollevare con veemenza intense masse d’aria calda direttamente dal deserto algerino-tunisino verso il Sud Italia.

A Grottaglie la temperatura percepita sarà di 38°. L’umidità invece raggiungerà picchi altissimi con la colonnina al 92%.

AREE PIU’ COLPITE DAL CALDO INTENSO – Ma quali saranno le aree meridionali più interessate dall’ondata di caldo che potrà avere connotati eccezionali per questo Giugno?

In primis la Sicilia, la Puglia, diverse aree della Lucania e anche della Calabria. Come visibile dalla seconda cartina, un po’ tutto il Centro Sud vedrà temperature abbondantemente sopra la norma da Mercoledì a Sabato.

PUNTE ECCEZIONALI FINO A 42/44° – Sulle aree colorate in arancio o marrone più chiaro, i valori medi andranno sulle località di pianura tra 31 e 37 gradi. Sui settori compresi nella colorazione arancio più scuro, le temperature massime saranno diffusamente sui 36/38°. Sulle aree colorate in rosso i valori si faranno davvero infuocati e compresi mediamente tra 38 e 39°. Aree in fucsia con temperature incandescenti, fino a 42/44°. Le aree del Catanese, o quelle tra Catania e Caltanissetta, in Sicilia, sono quelle candidate ad avere i valori più infuocati, anche over 42°.

Possibili valori di 40° e oltre, Venerdì, anche sul Nord Calabria, nella valle del Crati, Nord Cosentino, area tra Castrovillari, Sibari e Cosenza.

IL RUOLO DEI VENTI – Queste punte estreme potranno essere determinate anche da una intensificazione dei venti meridionali i quali, sui versanti pianeggianti sottovento, potranno produrre un effetto di compressione dell’aria riscaldandola ulteriormente.

Da Domenica 2 Luglio, arriveranno correnti di Maestrale con calo termico anche al Sud di 8/10° e cessazione del clima rovente.

Pubblicità in concessione a Google