«Celebrato il primo Consiglio Comunale, l’Amministrazione Sapio decide di accogliere la proposta di Sel di non inserire nell’ordine del giorno la nomina del Presidente del Consiglio della massima assise cittadina.» Lo scrive Massimiliano Cinque, Coordinatore del circolo Sel “ A. Strusi“ di Carosino.

«Sarebbe un costo – scrive ancora Massimiliano Cinque – di cui l’Amministrazione può al momento fare a meno; sebbene non si tratti di una somma eccessiva, l’onere per il pagamento dell’indennità al Presidente del Consiglio comporta per il comune esborso di oltre 8.000,00 euro all’anno.

Il ruolo del presidente del consiglio – aggiunge Massimiliano Cinque – dovrebbe spettare a SEL che, però, ha preferito sacrificare la maggiore visibilità ed il maggior prestigio nell’interesse della comunità che, a Carosino come altrove, vive momenti di grande difficoltà economica ed il risparmio di spesa si traduce in maggiori servizi.

Dall’insediamenti dell’Amministrazione Sapio – prosegue Cinque – abbiamo subito senza responsabilità un aumento dei costi dovuto, per esempio, all’aumento del corrispettivo per il conferimento in discarica dei rifiuti, è stata introdotta la Tasi e non sappiamo cos’altro ci riserverà il Governo centrale. Per questo abbiamo pensato di proporre al Sindaco di risparmiare ovunque sia possibile, a cominciare dalle figure istituzionali non indispensabili.

Al consigliere di Sel, Cristina Leone, che al momento non ha alcuna delega in seno all’Amministrazione, potrebbe andare la delega al contenzioso, altro punto dolente del bilancio del comuni italiani; in tal modo – conclude Massimiliano Cinque, Coordinatore del circolo Sel “ A. Strusi” di Carosino – potrebbe continuare il lavoro – interrotto con la caduta dell’amministrazione Chiloiro – di razionalizzazione e contenimento della spesa per la gestione del contenzioso comunale.”