Una chiesa gremita, nel rispetto delle misure anti Covid, ha dato l’ultimo saluto a Cosimo Fanigliulo, per la città di Grottaglie meglio conosciuto come “Mestu Mimino“.

Imprenditore agricolo, ha fatto la storia della coltivazione dell’uva da tavola a Grottaglie con la sua impresa, l’azienda agricola Cosimo Fanigliulo e Figli. Tanti giovani grottagliesi hanno avuto la fortuna di lavorare stagionalmente nei suoi terreni. Tanti anche i meno giovani ai quali ha sempre dato un’occasione.

Chiedeva solo volontà, rispetto ed educazione. Poi… un lavoro, un’opportunità te la dava sempre. Un’occasione che poteva insegnarti un mestiere ma anche formarti come persona.

Mestu Mimino ha dedicato la sua vita alla sua terra e alla sua famiglia. Capace e lungimirante ha sempre saputo vedere oltre, raggiungendo importanti traguardi nella coltivazione dell’uva da tavola e nel settore agricolo qui a Grottaglie.

Paroliere, forse anche un pò poeta, amava scrivere nei ritagli di tempo: un foglio, una penna e la sua capacità di creare rime, versi prendeva forma.

Ciao Mestu Mimino, sei stato uno degli ultimi maestri a cui Grottaglie ha dato i natali.