Ospedale Grottaglie, Comitato: “Sindaco D’Alò, devi darci delle risposte”

2890

«Gent.mo Sindaco, gli eventi che si stanno susseguendo in questi giorni sono allarmanti per la sopravvivenza del nostro Ospedale San Marco. Il Comitato ed i cittadini di Grottaglie guardano i fatti e come sempre chiedono chiarezza e trasparenza.» Lo si legge in una nota del “Comitato in difesa dell’Ospedale San Marco.

Pubblicità in concessione a Google

«La riconversione del San Marco in cronicario geriatrico continua il suo iter – prosegue la nota: queste sono le evidenze concrete, lontane dagli equilibrismi dialettici che ogni giorno riempiono intere pagine di giornali. Taranto è al centro dell’attenzione nazionale ed europea per i gravi problemi di salute pubblica che attanagliano il nostro territorio e per tutta risposta il San Marco di Grottaglie, da sempre e ripetiamo da sempre, inserito nel Poc insieme al Moscati ed al SS. Annunziata, viene privato anche del Pronto Soccorso! A breve perderemo sicuramente anche il servizio di genetica perseguendo l’obiettivo di sempre: il san Marco va ridotto a “casa di riposo”. Sindaco, abbiamo bisogno di risposte reali che solo Lei può fornirci: al Presidente Emiliano e al Dott. Rossi deve chiedere come riempiranno questo contenitore, abbiamo il diritto di saperlo noi cittadini attraverso la carica istituzionale del nostro Sindaco. Non si può procedere alla dismissione di un Nosocomio senza un progetto ed una programmazione che deve essere di pubblica conoscenza: stiamo parlando di salute! Lei deve fornirci questi chiarimenti! Non abbiamo più avuto notizie dell incontro previsto in prefettura fra Lei e il Direttore Generale Rossi: è avvenuto? Quali gli sviluppi? Perchè non è stato mantenuto l’impegno sottoscritto?

Tutti aspettiamo risposte concrete – conclude la nota del “Comitato in difesa dell’Ospedale San Marco”: salvaguardare la salute dei propri cittadini é diritto–dovere primario di una comunità e l’impegno del Sindaco e di tutto il Consiglio comunale deve andare in questa direzione

Pubblicità in concessione a Google