Nuovo colpo per la famiglia Riva, proprietaria dello stabilimento ILVA di Taranto e coinvolta negli ultimi mesi in diversi procedimenti giudiziari. Il Tribunale di Milano ha condannato Fabio Riva a sei anni e sei mesi per le accuse di associazione per delinquere e truffa, al termine del processo di primo grado su una presunta truffa ai danni dello Stato, perpetrata dal gruppo Riva, attraverso l’Ilva di Taranto, che avrebbe ricevuto contributi pubblici senza averne diritto. I giudici hanno condannato anche Alfredo Lo Monaco della Svizzera Eufintrade sa a 5 anni e Agostino Alberti, ex dirigente di Ilva sa (società svizzera del gruppo Riva), a 3 anni.

Alle condanne dei manager si aggiungono le sanzioni amministrative: la società Riva Fire, imputata per la responsabilità amministrativa degli enti, è stata condannata a una multa di 1,5 milioni di euro mentre ai tre imputati ed alla società è stata comminata anche la confisca di beni per un totale di quasi 91 milioni di euro.

Fabio Riva e gli altri due imputati dovranno pagare una provvisionale di 15 milioni di euro al Ministero dello Sviluppo economico, che si era costituito parte civile nei loro confronti. Inoltre, i giudici della terza sezione penale del Tribunale di Milano hanno condannato i tre al risarcimento del danno allo stesso ministero, da quantificare in sede civile.

Pesante anche la condanna comminata alla società Riva Fire, nei confronti della quale è stato disposto il divieto di ricevere finanziamenti, sussidi e agevolazioni dallo Stato per un anno, oltre al blocco dei contributi già deliberati. Al mancato incasso dei contributi previsti si aggiunge anche la richiesta di restituzione dei contributi già ricevuti per agevolare le esportazioni.

Il processo giunto oggi alla condanna di primo grado si occupava di una presunta truffa ai danni dello Stato dell’ammontare di circa 100 milioni di euro in materia di sostegno delle imprese italiane che esportano all’estero, concretizzatosi con l’ottenimento di contributi a cui in realtà ILVA non avrebbe avuto diritto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA