«Nessun passo indietro, nessun cedimento nella difesa del patrimonio manifatturiero italiano». È quanto sollecita al Governo Confartigianato Imprese in relazione al negoziato sulla tutela del “made in” sul quale nei giorni scorsi, a Bruxelles, al Consiglio Ue Competitività si è registrata una situazione di stallo.

«L’Italia – commenta Domenico D’Amico, presidente provinciale di Confartigianato Taranto e vice presidente di Camera di Commercio – non deve rinunciare a difendere l’origine dei propri prodotti ed a valorizzare il patrimonio manifatturiero nazionale rappresentato da 596.230 imprese con 16.274.335 addetti, di cui il 58% in micro e piccole imprese fino a 20 addetti. Le imprese artigiane manifatturiere sono 326.226 e danno lavoro a 974.987 addetti. Con questi numeri, se non è l’Italia a tutelare l’identità delle produzioni, quale altro Paese europeo è più interessato? Il Ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi ha recentemente dichiarato che il Governo punta alla valorizzazione del sistema manifatturiero italiano per il futuro della nostra economia. Allora si stringa il negoziato per raggiungere il risultato in sede di Consiglio Europeo.

Confartigianato – conclude Domenico D’Amico – continuerà a battersi ad ogni livello affinché l’Europa riconosca ed approvi l’obbligo di indicare il marchio “made in” sui prodotti al fine di garantirne la piena tracciabilità, come già avviene nei principali Paesi aderenti al WTO (ad es. USA, Giappone, Canada e Corea). Ne va della difesa del patrimonio manifatturiero dell’artigianato e dell’impresa diffusa, del diritto dei consumatori a una corretta informazione sull’origine dei beni acquistati, della lotta al grave fenomeno della contraffazione che nel mondo fattura 200 miliardi l’anno e che in Italia “vale” 6.924 milioni, pari allo 0,45% del Pil, e colpisce proprio i settori di punta del “made in Italy”».