E’ partito nella ASL di Bari il reclutamento di 110 infermieri che saranno impiegati dal Dipartimento di prevenzione per tutte le attività legate alla emergenza Covid, e in particolare per la istituzione di presidi sanitari nelle scuole impegnati in screening periodici, sorveglianza e campagna vaccinale nella seconda fase del piano nazionale.

In linea con la delibera regionale del 27 gennaio scorso, la direzione strategica della ASL ha avviato le procedure di reclutamento sia attraverso la chiamata di personale a tempo determinato da un avviso già disponibile che con un bando interno per verificare la disponibilità – tra il personale infermieristico assunto a tempo indeterminato – a supportare in distacco temporaneamente il Dipartimento di Prevenzione per tutte le attività di contrasto alla pandemia, compresa l’organizzazione dei Team di Operatori Sanitari Scolastici Covid-19 (TOSS Covid-19), necessari per garantire il rientro a scuola in sicurezza.  Contestualmente la direzione aziendale si sta avvalendo della graduatoria nata da una manifestazione di interesse già in atto alla quale è possibile attingere Cps infermieri per coprire gli eventuali posti che potrebbero restare scoperti nelle strutture ospedaliere e territoriali.

“Abbiamo messo in moto in tempi rapidi le prime fasi della macchina organizzativa per dare maggiore forza alle risorse del Dipartimento di prevenzione in prima linea per contrastare e contenere i contagi – spiega il dg Asl Antonio Sanguedolce – il reclutamento di 110 infermieri contribuirà ad assicurare a tutto il personale scolastico e agli studenti un sistema di assistenza e sorveglianza epidemiologica finalizzato allo svolgimento delle attività didattiche in sicurezza”.

Il TOSS Covid-19 è l’articolazione dell’Ufficio del Referente ASL COVID-19 che garantisce operativamente, a livello di istituto scolastico, l’effettuazione delle attività di supporto, sorveglianza e screening, oltre alle vaccinazioni. Gli infermieri in via di reclutamento svolgeranno infatti attività finalizzate all’implementazione delle misure di protezione individuali e collettive dal contagio da SARS-CoV-2 (verifica e monitoraggio quotidiano). Saranno inoltre impegnati in tracciamento e identificazione di contatti stretti (contact tracing), nella applicazione dei protocolli di intervento nelle strutture extra aziendali disposte dal dipartimento di prevenzione (screening diagnostici, interventi in caso di positività, ecc.) e nel monitoraggio ogni delle attività di screening presso gli istituti scolastici (esecuzione di tamponi, vaccinazioni, raccolta dati, ecc.).

“I 110 infermieri saranno coinvolti anche nella campagna vaccinale, in accordo con quanto previsto dal Piano Strategico nazionale – aggiunge il direttore del Dipartimento di prevenzione, Domenico Lagravinese- abbiamo individuato centri hub e spoke per l’assegnazione del nuovo personale che sarà distribuito nelle sedi Sisp delle tre aree dipartimentali, assegnando rispettivamente 40 infermieri alla area nord, 40 all’area metropolitana e altri 30 all’area sud, rispettando lo standard previsto di 1 operatore ogni 1.500 alunni di età compresa fra i 6 e i 19 anni”.

Il personale infermieristico interno alla Asl può presentare domanda di partecipazione esclusivamente in via telematica utilizzando il form on-line disponibile al seguente indirizzo intranet aziendale: http://sadsamm.aslbari.puglia.it/mobilita oppure da internet al seguente indirizzo: https://sadsamm.asl.bari.it/mobilita

La procedura di compilazione della domanda deve essere effettuata entro la data di scadenza  perentoria del 7 febbraio.