Oggi ho partecipato all’Audizione informale dei Commissari Straordinari dell’Ilva in merito allo stato di attuazione del piano di risanamento ambientale della Azienda, che si è tenuta in Commissione Ambiente alla Camera.” Lo dichiara l’On. Donatella Duranti

I Commissari – prosegue la parlamentare ionica, nella presentazione dello stato dell’arte del risanamento ambientale, si sono a mio avviso limitati a fotografare l’esistente – come se non vi fossero problemi – ed hanno dato un giudizio sostanzialmente positivo sul piano ambientale presentato da Am Investco, nonostante – come ammesso anche da loro – le osservazioni di associazioni, Comune, oo.ss., ordini professionali e comitati vadano in tutt’altro senso.

Sono sconcertata dalla semplificazione fatta rispetto alla modulazione dei tempi per l’attuazione degli interventi prevista dagli investitori, che invece a mio giudizio – con la richiesta di proroghe e di previsioni di slittamenti non meglio definiti – è gravissima.

Oltremodo non è stato fatto accenno alcuno – nonostante la mia esplicita sollecitazione – alla congruità del piano presentato rispetto alla Valutazione del danno sanitario, cosa invece indispensabile per garantire e tutelare appieno la salute di lavoratori e cittadini.

Infine – conclude l’On. Donatella Duranti – sono sempre più preoccupata per la tenuta dei livelli occupazionali, dopo aver avuto conferma che migliaia di lavoratori non saranno impiegati nel ciclo produttivo ma in un non meglio precisato “Cantiere di natura ambientale”. Tutto questo ex ante il previsto – e necessario per legge – tavolo di confronto con i sindacati, convocato inizialmente per la scorsa settimana ed inspiegabilmente – ed ingiustificatamente – slittato al mese di ottobre.