ILVA Taranto

«Il nuovo provvedimento del Governo Renzi sull’ILVA è un ulteriore passo indietro!» Ad esprimere tutta la loro contrarietà sulla strategia adottata dall’esecutivo per affrontare il futuro dello stabilimento siderurgico tarantino sono Donatella Duranti, deputato SEL e Maurizio Baccaro, Coordinatore provinciale SEL di Taranto.

«Il Governo – scrivono in una nota – con l’ultimo Decreto, trasformato in Emendamento al DL “Competitività” che tanto alcuni Parlamentari del PD stanno magnificando ha compiuto un nuovo salto all’indietro. Con questo nuovo provvedimento si rallenta sull’ambientalizzazione poichè introduce nuove deroghe sui tempi di applicazione dell’AIA e non si prevede ancora una volta la figura del Commissario ambientale.

Inoltre – scrivono ancora la Duranti e Baccaro – non si prevede, ancora una volta, nessun CRONOPROGRAMMA certo delle opere di ambientalizzazione, come più volte abbiamo richiesto, anche attraverso l’utilizzo delle risorse sequestrate ai Riva dalla Magistratura.

La Valutazione del Danno Sanitario, a monte del rilascio dell’autorizzazione, e indicazione del limite alla produzione, in conseguenza di tale procedura, sono oramai completamente scomparse dalla discussione della maggioranza che sostiene il Gverno. Eppure le stesse forze politiche presenti anche nel Consiglio regionale della Puglia hanno votato all’unanimità la Legge sulla VDS.

I Parlamentari Jonici di PD e PDL\FI, – concludono la Duranti e Baccaro – chiariscano se nel percorso dalla Puglia a Roma, hanno cambiato idea su quello che unanimemente in Puglia e a Taranto si riteneva un Atto fondamentale per garantire la salute e il lavoro a Taranto, da proiettare nel percorso della Legislazione nazionale