«Da anni continuiamo a chiedere che piazza Leopardi venga resa un luogo accogliente e dignitoso, ma a parte qualche intervento di ordinaria manutenzione consistente nel taglio delle erbacce, niente è stato fatto». A segnalarci la pessima situazione di questa zona al confine tra centro storico e città nuova è il sig. Vincenzo Basile.

«I problemi in questa piazza sono tanti – aggiunge il sig. Basile: dalle radici degli alberi che hanno divelto il marciapiede alle aiuole che sono solo piene di erbacce, dalla miriade di escrementi lasciati da padroni maleducati di cani al pessimo stato di manutenzione di fontana e sedili. In più c’è la cabina di trasformazione sotterranea a servizio dell’illuminazione pubblica che spesso, in caso di temporale, va fuori servizio lasciando l’intera zona al buio.Come potete vedere dalla copia dell’istanza risalente al 2009 – prosegue il sig. Basile, sono anni che io ed altri cittadini chiediamo solo quello che riteniamo ci spetti, ovvero vivere in un luogo decente e adeguato ai servizi per cui paghiamo le tasse.

Domenica 29, conclude il sig. Vincenzo Basile, don Pasquale Laporta benedirà nel pomeriggio le palme dei cittadini residenti, spero almeno che prima di questo incontro il Comune provveda a pulire ed a disinfettare i marciapiedi, che sono un vero e proprio schifo ed una vergogna per tutti noi che abitiamo in questa zona».