PUBBLICITA\'. Per questo spazio tel: 3477713802
“Queste sono ore decisive per il futuro di Taranto e dei tarantini. Negli anni in cui è sorta una delle più grandi aziende siderurgiche d’Europa, Taranto e comuni limitrofi hanno conosciuto i cosiddetti tempi d’oro con tutti i pro e i contro di un sistema che, sappiamo bene, era ed è basato prettamente sul guadagno economico di pochi. Oggi però il contesto è cambiato”, è quanto si legge in un comunicato diffuso da Sud in Movimento associazione politico culturale presente anche in Consiglio Comunale a Grottaglie a sostegno della maggioranza del sindaco Ciro D’Alò.
“L’Accordo che il Governo si appresta a firmare compiace Mittal e basta”, scrive Sud in Movimento.
“Chiediamo la chiusura di tutte le fonti inquinanti con una programmazione reale che metta al centro la dignità e la salute delle persone, due principi che in tutti questi anni sono venuti meno. È necessario, però, che tutte le associazioni e comitati convergano nella stessa direzione, senza personalismi e senza rendere la salute una questione di appartenenza. Ora più che mai, tutte le realtà tarantine devono cooperare tra loro, creando i presupposti per lo sviluppo di un’azione sinergica e comune proprio come è stato fatto per Grottaglie, che ha vinto la battaglia contro una delle discariche più grandi d’Europa. Solo con un’opinione pubblica coesa e compatta si potranno rivendicare quei diritti che da anni la città pretende e che la politica nazionale nega”.
PUBBLICITA\'. Per questo spazio tel: 3477713802