Pubblicità

Oltre 500 i luoghi aperti in 130 città in tutta Italia grazie a 3.500 volontari del FAI: questi i numeri di FAImarathon 2015, l’evento nazionale a sostegno della campagna di raccolta fondi “Ricordiamoci di salvare l’Italia” realizzato grazie alla partnership con Il Gioco del Lotto e per la prima volta affidato ai giovani del FAI. Domenica 18 ottobre saranno aperte le porte di palazzi, negozi storici, teatri, chiostri, angoli delle nostre città spesso trascurati e poco conosciuti.

PubblicitàPubblicità

A Taranto il neonato Gruppo FAI Giovani, in stretta collaborazione con la Delegazione senior, ha pensato un itinerario dal titolo “Il Borgo Nascosto” prediligendo l’apertura di siti del Borgo Umbertino della città non facilmente accessibili, nascosti, per l’appunto, all’interno di palazzi, cortili, e strutture non aperte al grande pubblico. Ecco così che all’interno del Centro Ospedaliero Militare ( già Ospedale Militare) si potranno visitare sia il Sacello romano di epoca tardo-repubblicana, enigmatico luogo di culto dedicato ad una divinità femminile dell’Oltretomba, che i giardini di quella che fu la magnifica villa settecentesca di Mons. Giuseppe Capecelatro, Arcivescovo di Taranto, politico, illuminista e letterato. Sarà aperta al pubblico anche la Domus romana, di età tardo-repubblicana, con resti di mosaici, situata nel cortile interno di un condominio in Via Nitti 31. Torna visitabile, dopo gli ultimi restauri e lavori di sistemazione, anche la nota Tomba degli Atleti risalente al VI-V sec. a. C., ubicata all’angolo tra Via Crispi a Via Pitagora.

In ultimo, vera chicca della FAI Marathon Tarantina, sarà l’apertura della piccolissima chiesetta di San Francesco di Paola al Borgo, situata all’interno del cortile di Palazzo Cecinato in via Cavour 51.
Il tempio, forse il più piccolo dell’intera provincia jonica, risale alla seconda metà del XIX secolo e presenta tutte le caratteristiche architettoniche e decorative dello stile Neogotico.
L’interno è fittamente decorato da raffinatissimi stucchi che riprendono forme desunte dal più antico stile Gotico, soprattutto lombardo.

In occasione della FAI Marathon, la gestione di questo luogo è interamente affidata al gruppo FAI Giovani Taranto, mentre i visitatori verranno accompagnati alla scoperta degli altri siti dagli Apprendisti Ciceroni delle scuole di Taranto Archita, Battaglini, Ferraris-Quinto Ennio e Pitagora. Nella Domus Romana saranno esposti pannelli informativi realizzati dagli studenti del Liceo Artistico Calò di Taranto.
Tutti i siti saranno visitabili dalle ore 9:30 alle ore 12:30 e dalle ore 16:00 alle ore 18:30. Le visite sono gratuite con la possibilità di versare un contributo libero. Il Gruppo FAI Giovani di Taranto, con il suo entusiasmo e la sua passione, invita tutti i tarantini a partecipare a questa grande domenica di festa . Nei siti aperti, e durante tutto il mese online, ai nuovi iscritti sarà offerta l’iscrizione a una speciale quota di benvenuto: 29 euro.

Per ulteriori informazioni sulla FAImarathon e per gli itinerari nelle città coinvolte dall’iniziativa consultare il sito del FAI: www.faimarathon.it o le pagine Facebook FAI Giovani Taranto e Delegazione FAI Taranto.

faimarathontaranto2015

Iscriviti al FAI e vivi FAImarathon da protagonista
Tutti i contributi raccolti permetteranno al FAI di continuare la sua missione di tutela e valorizzazione del patrimonio d’arte e natura italiano. In segno di gratitudine per quanti sostengono tutto l’anno la Fondazione saranno riservati vantaggi per gli iscritti al FAI che potranno accedere a luoghi aperti in esclusiva per loro e saltare le code in tutti gli altri.

Scarica l’App
E’ possibile portare sempre con sé tutti i luoghi aperti in FAImarathon, geolocalizzati e con contenuti di approfondimento, scaricando l’App del FAI, gratuita e disponibile per iOS e Android. Una vera e propria guida alla bellezza che permette di trovare in pochi click anche informazioni sui luoghi di cui il FAI si prende cura, aggiornamenti su eventi e campagne della Fondazione e tanto altro.

Ricorda che puoi scoprire in anteprima le storie di alcuni dei tesori nascosti aperti il 18 ottobre, direttamente dalla loro voce: