«Una serie senza fine di eventi drammatici, di atti di violenza estrema che vedono le donne vittime dei propri mariti, dei propri compagni, di altri uomini.» lo dichiara l’onorevole Vincenza Labriola del Gruppo Misto della Camera dei Deputati, commentando gli ultimi fatti di cronaca.

«Nelle scorse ore, a Taranto, una madre è stata uccisa insieme al proprio bambino dal marito che non accettava la separazione. Un susseguirsi interminabile di eventi orribili, 1700 casi solo nell’ultimo decennio. E’ necessario intervenire con determinazione, educando le giovani generazioni al rispetto dei ruoli e della donna, quale figlia, madre, compagna, moglie ed amica, attraverso specifici momenti di discussione e confronto nelle scuole.

Chiedo alla presidente della Camera, da sempre particolarmente attenta e sensibile nei confronti di questa terribile problematica, di farsi promotrice presso il Ministero dell’Istruzione.

La scuola non stia a guardare – conclude la parlamentare ionica, ma contribuisca a formare uomini consapevoli e rispettosi»