Doppio concerto, assolutamente gratuito, chiude il Carsica Festival a Grottaglie dopo l’apertura di inizio agosto con Diodato in Piazza Principe di Piemonte.

Due artisti davvero interessanti in un doppio appuntamento. Il primo, lunedì 13 agosto, vedrà il Brasile giungerà in Puglia con i Selton.

Formazione originaria di Puerto Alegre, esordiscono nel 2008 con l’album Banana A Milanesa, che riprende in portoghese alcuni brani di Enzo Jannacci e Cochi & Renato. Nel 2010 esce il secondo capitolo, Selton, prodotto da Tommaso Colliva e Massimo Martellotta dei Calibro 35. Nel 2013 è la volta di Saudade, terzo capitolo del gruppo.

A distanza di tre anni pubblicano Loreto Paradiso e, nel 2017, Manifesto Tropicale. Dire chi sia il frontman di questo gruppo è impossibile, visto che alla voce si alternano praticamente tutti e quattro gli elementi, il batterista diventa prima chitarrista e poi cantante, in una girandola di ruoli in cui il vero protagonista è la loro musica ed il pubblico che diventa alla fine parte integrante dello spettacolo e non semplicemente spettatore.

Il secondo, martedì 14 agosto, vedrà sul palco Willie Peyote.

Artista torinese, rapper cantautore riesce a conquistare anche le platee più difficili. Succede grazie alla composizione originale di note e parole: sullo spartito il rap incontra sonorità diverse dal rock al funky, passando per il jazz; i testi appartengono a pieno diritto al mondo dei cantautori.

Con il nuovo album Sindrome di Tôret, Peyote è arrivato ai primi posti nella classifica Fimi dei dischi più venduti in Italia. Il titolo dell’album gioca con le parole: mescola la sindrome di Tourette (l’impossibilità di trattenersi) e le fontanelle con la testa di toro che s’incontrano a Torino, e che in dialetto si chiamano «tôret». Con riferimenti e citazioni più o meno velate alla musica degli ultimi 40 anni, Peyote firma sonorità e liriche che vanno da Battisti a Bruno Martino, passando per il nuovo cantautorato pop. In 13 canzoni, parla della società, capovolge il punto di vista collettivo e sviluppa un pensiero critico attraverso la provocazione e l’ironia. Ospite su palchi importanti (il 1° Maggio a Roma, Miami di Milano e Sziget Festival di Budapest), Willie Peyote rappresenta il momento d’oro che il rap italiano e la musica underground stanno vivendo in questi anni.

Entrambi in concerti si terranno alle ore 21, piazza Regina Margherita, centro storico di Grottaglie. Ingresso gratuito.