Film Netflix a Taranto, fuga rocambolesca sui cornicioni di Palazzo degli Uffici in via D’Aquino

iniziate le riprese a Taranto per il Colossal di Netflix Six Underground

3870
Pubblicità in concessione a Google

Pubblicità in concessione a Google

A Taranto si gira! Dal 25 settembre e fino al 6 ottobre la città è diventata un set cinematografico per le riprese del film di Michael Bay, con un budget di 150 milioni di dollari. 6 Underground, questo il titolo del film, è al momento la produzione più costosa mai prodotta da Netflix. Un soggetto originale di Paul Wernick e Rhett Reese.

Taranto, non prevista, ma scelta direttamente dal regista avendone espresso il desiderio, dopo averne conosciuto le bellezze grazie ai location manager Anrico Latella e Fabio Marini.

Le riprese riguarderanno, infatti, i Due Mari, la Città Vecchia e parte del Borgo. Inoltre, grazie alla collaborazione con la Marina Militare, Comando Marittimo Sud di Taranto, le location principali del film saranno il Castello Aragonese e il Ponte Girevole.

Il protagonista Ryan Reynolds  è atterrerato in città e sta guidando per le strade di Taranto durante le riprese. Altri attori del cast: Mélanie Laurent, Dave Franco, Manuel Garcia-Rulfo, Adria Arjona e Corey Hawkins.

Palazzo degli Uffici di Taranto (detto anche Palazzo Archita)

Il Palazzo degli Uffici di Taranto è uno dei palazzi più prestigiosi del Borgo Nuovo della città. Fu costruito nel Settecento per assolvere alla funzione di orfanotrofio e ospitare i bambini poveri della città e gli orfani dei militari, per ordine di un Regio Decreto di Ferdinando IV di Borbone del 1787.

La prima pietra della struttura fu posata nel 1791 in uno spiazzo utilizzato per manifestazioni pubbliche dall’Arcivescovo di Taranto Monsignor Giuseppe Capecelatro, ma le vicende del 1799 e i successivi mutamenti di governo, costrinsero a interrompere i lavori per molto tempo. Solo nel 1872 il Comune, che nel frattempo aveva acquisito l’intera area, destinò l’edificio a ospitare alcuni uffici pubblici, ordinando la ripresa dei lavori su disegno dell’Ing. Giovanni Galeone, che si concluse nel 1894. Dal 28 giugno 1896, data dell’inaugurazione alla presenza del Sindaco di Taranto Alessandro Criscuolo, il palazzo ha ospitato il Tribunale di Taranto, la Scuola nautica, l’Osservatorio meteorologico e sismico, l’Istituto per la Storia e l’Archeologia della Magna Grecia e diversi istituti scolastici, tra cui il Liceo Ginnasio “Archita”. La forma quadrangolare dell’edificio, influenzarono il piano regolatore per quanto riguardava il reticolo stradale, mentre lo stile architettonico fu utilizzato come modello da altri palazzi del Borgo Nuovo della città.

Il prospetto principale del palazzo si affaccia su Piazza Archita, ed è allineato con il Ponte Girevole dal quale è perfettamente visibile. Idealmente appare suddiviso in due sezioni orizzontali: la sezione inferiore presenta al piano terreno un maestoso portone principale affiancato da una serie di porte, e al primo piano una fila di finestre incorniciate; quella superiore si presenta sia al secondo sia al terzo piano con 20 finestre decorate elegantemente. La suddivisione in sezioni verticali invece è effettuata mediante lesene di ordine dorico nella parte inferiore, e lesene di ordine ionico in quella superiore. La parte superiore del prospetto termina con un piccolo timpano triangolare decorato e con un orologio meccanico. I restanti prospetti sono identici a quello principale, con l’eccezione del piccolo timpano triangolare.

Sia all’esterno sia all’interno sono inoltre presenti lapidi commemorative. Tra di esse, una menzione particolare va fatta per quella dedicata all’assassinio del re Umberto I di Savoia, conservata al terzo piano. È stata per più di un secolo sede del Liceo Ginnasio “Archita”, il più antico di Taranto, famoso per essere stata la scuola di personalità illustri, tra le quali lo statista Aldo Moro. Dal 2013 il Liceo è stato trasferito in altra sede per l’inizio dei lavori, conclusi nuovamente per infiltrazioni mafiosi all’interno della ditta appaltatrice.

Il palazzo dal 2002 è in fase di restauro e di riorganizzazione interna degli spazi.

Pubblicità in concessione a Google