«Il circolo SEL “P.P.Pasolini” di Grottaglie desidera informare i cittadini che la Giunta Regionale Pugliese con delibera nr. 2725 datata 18.12.2014 ha provveduto all’immediato commissariamento dell’ARO/4 TA, di cui Grottaglie è comune capofila.» Lo rende noto un comunicato dello stesso circolo grottagliese, che prosegue: «Il commissariamento si è reso necessario a causa dell’incapacità amministrativa e politica dimostrata dai Sindaci nella procedura di affidamento del servizio a livello di Ambito di Raccolta Ottimali per la gestione associata dei servizi di raccolta, spazzamento e trasporto dei rifiuti solidi urbani.

Un provvedimento tacitato – afferma il circolo SEL “P.P.Pasolini” di Grottaglie, forse occultato, dagli stessi amministratori locali, Sindaco e Vice Sindaco in testa.

Un triste epilogo, in fatto di gestione locale dei rifiuti, conseguenza diretta di una serie di mancanze ai quali i cittadini grottagliesi hanno dovuto assistere:
– mancato raggiungimento del+5% di raccolta differenziata al 30.06.2014 che, fortunatamente, non ha comportato l’applicazione integrale dell’ecotassa (euro 25,82 + Iva) solo per effetto di benevola proroga regionale concessa;
– rincari esorbitanti in fatto di tassa sui rifiuti (TARI) a danno dei cittadini;
– l’affidamento diretto con delibera di giunta del servizio di raccolta differenziata alla Ditta Serveco,
effettuato nel solo centro storico per mezzo di un contratto palesemente sbilanciato a favore del gestore privato;
– il raggiungimento del +6% a fine novembre, se da una parte ha consentito comunque di godere dell’ecotassa ridotta (euro 7,50 + Iva), tuttavia non ha creato i presupposti per raggiungere gli obiettivi minimi fissati al 40% utili ad evitare l’aliquota massima dell’ecotassa per il 2015;
– il 21,26% raggiunto costituisce un dato fallimentare generato anche dalla scellerata decisione di far partire il progetto, affidato alla Serveco per la raccolta porta a porta, nel solo centro storico;
– il citato progetto, inoltre, non contempla alcun beneficio economico per i cittadini virtuosi dal momento che i proventi derivanti dai materiali differenziati finiscono nelle tasche della Serveco. Infine questa convenzione risulta conclusa al 31.12.2014 e ,ad oggi, non risultano comunicazioni o atti noti in merito ad un’eventuale proroga. Benedetta trasparenza!

A conti fatti sommando i costi di smaltimento, ristoro ambientale e ecotassa si raggiunge la ragguardevole cifra di 160,697 euro/tonn. per l’anno 2015.

L’anno amministrativo e politico 2015 – continua la nota del circolo SEL “P.P.Pasolini” di Grottaglie – si apre e si conferma nel solco della irresponsabilità dei nostri governanti locali.

La sola constatazione che l’ammontare complessivo di tutta la gestione del servizio rifiuti a Grottaglie è pari a quasi 5 milioni di euro dovrebbe quanto meno spronare chi amministra a produrre il massimo sforzo per razionalizzare il servizio, contemplando costi e ricavi, e soprattutto incentivi economici a favore dei cittadini.

Eppure sarebbe bastato poco, magari semplicemente affacciarsi per copiare il progetto messo a punto dall’AMIU di Taranto adottato a Talsano-Lama-S.Vito (bacino totale di 26000 abitanti di cui 10000 utenze) in fatto di gestione rifiuti.

Invece, puntuale, ora giunge l’ennesima beffa per via del commissariamento.
Inadempimenti, incompetenza ed inerzia hanno contrassegnato quasi due anni di tempo trascorso dall’approvazione in Consiglio Comunale dello schema di convenzione dell’ARO4. Delibera all’epoca fortemente voluta dal sindaco Alabrese per evitare, immaginate un po’, lo spettro del commissariamento!

Il neo-commissario, Dott. Giustiniani – Dirigente della Regione Puglia , dovrà ora svolgere quel lavoro che altri non hanno saputo fare prima di lui. Egli dovrà quindi elaborare, in tempi stretti, il progetto unitario per il servizio rifiuti per l’ARO 4 fino alla messa a bando, con gara europea, per l’affidamento del servizio medesimo.

Un servizio che sarà inevitabilmente appannaggio di un soggetto privato che, nella sua veste di imprenditore, tenderà a massimizzare i profitti derivanti dalla sua attività con probabili costi del servizio che lieviteranno a dismisura a carico dei cittadini.

Un’ulteriore grave responsabilità politica a carico di questa amministrazione apatica che ricadrà sulla testa e nelle tasche di noi tutti.

Il circolo Sel “Pasolini”di Grottaglie, nella persona del consigliere comunale Enzo Lacorte, – conclude il comunicato – ha già provveduto ad effettuare una interpellanza al Sindaco in merito non solo agli eventi che hanno determinato il commissariamento ma anche per quanto attiene all’oscurantismo informativo in cui è ripiombato il sito del Comune di Grottaglie. Infatti la ricerca dei contenuti sull’Albo Pretorio risulta datata a tal punto da renderla trasparentemente indisponibile!