«Il Vicesindaco Stefani continua a divulgare costi per i servizi cimiteriali comunali errati pur di giustificare questa macabra operazione di privatizzazione del nostro Cimitero per coprire la sua incapacità a risolvere il problema della carenza di loculi Comunali a Grottaglie.» E’ quanto afferma Ciro Gianfreda, capogruppo per Forza Italia nel consiglio Comunale di Grottaglie in un comunicato.

«Purtroppo per Lui – prosegue Gianfreda, la verità è un’altra, dietro questa scellerata operazione di Privatizzazione del Cimitero Grottagliese, questa Giunta di Sinistra si accinge a fare, con la scusa della realizzazione del Tempio della Cremazione un operazione economica, che tende a far arricchire un solo privato palesemente contro gli interessi dei Grottagliesi. Tornando ai costi dei servizi cimiteriali attuali e alla carenza di loculi, l’Assessore nulla ha fatto, da quando è stato nominato, per trovare una soluzione definitiva tranne quella di Trasformarsi in lobbista attento a curare gli interessi di pochi e non quelli della comunità grottagliese. Difatti, l’Assessore Stefani non spiega perché da quando questa Amministrazione si è insediata non ha realizzato il Loculario da 100 posti e 40 cellette nel Cimitero nuovo, con progetto preliminare già approvato il 9 maggio 2013. Egli ha recentemente affermato di non avere risorse economiche . Eppure se l’Assessore si va a leggere la D.G.M. n. 211/2013 vedrà che 130.000€ su le 250.000€ necessari per la sua costruzione, previsti nel Progetto preliminare erano già stati stanziati nel 2011.

Difatti – dettaglia Gianfreda, la delibera innanzi citata cosi riporta : “l’importo di 130.000€ viene finanziato con fondi comunali iscritti sul Cap. 11411 art. 20 RR.PP. 2011.” Quindi fondi già disponibili dal 2011. Per la restante parte, 120.000€ nulla è stato fatto per reperirli ad esempio utilizzando parte dei cospicui Avanzi di Amministrazione dei Bilianci 2012, 2013, e ora 2014, oppure procedendo all’accensione di un muto presso la Cassa Depositi e Prestiti cosi come fatto per altre OO.PP. L’Assessore Stefani credere poi di ingannare i cittadini di Grottaglie, affermando che i 100 Loculi verrebbero a costare 2500€ cadauno, invece di 2200€, come previsto nel progetto di svendita del nostro cimitero .

L’Assessore a mio avviso volutamente dimentica di fare delle semplici considerazioni economiche che anche un bambino sarebbe in grado di fare, ma lo aiutiamo noi:

1. Con spesa di 250.000€ oltre alla costruzione dei 100 Loculi si realizzeranno anche 40 ossari quindi i loculi verrebbero a costare molto meno delle 2500€ dichiarate dall’Assessore Stefani ;

2. Le 250.000€ sono già comprese di IVA mentre l’acquisto dei loculi che il cittadino è spinto a fare presso la ditta privata che li realizzerà, avranno un costo in funzione della fila e che varia dai 2200 € ai 2400€ e sono IVA esclusa ( precisamente a seconda della fila il costo varierà da 2684€ a 2928€ della terza fila).

3. Le 250.000 € preventivate per la costruzione della tomba comunale da 100 posti + 40 cellette, cifra opportunamente dettagliata nel quadro economico riportato nella D.G.M. n. 211/2013 ( qui Allegata) è una cifra posta a base d’asta, a cui , normalmente per queste categorie di lavori, viene applicato un ribasso d’asta da parte delle imprese realizzatrici, che si aggira tra il 20% e il 30%. Ribasso che se pur in via prudenziale considerassimo il 20% si risparmierebbero 50.000€ sul preventivato , cifra da riutilizzare poi o per realizzare altri loculi sulla stessa tomba o per opere di manutenzione su altre tombe comunali, visto il loro stato di normale degrado. Il Grottagliese, a differenza poi dell’Assessore, ha già capito che questo Loculario non verrebbe a costare più di 200.000€ . Quindi con costi per la collettività Grottagliese che non supererebbero le 1700-1800€ iva compresa a loculo, senza considerare poi il fatto che, il tutto rimarrebbe nella disponibilità perpetua del patrimonio comunale, perciò utilizzabili più volte in cicli di 18 anni.

4. Infine l’Assessore con questa operazione di svendita a privati del nostro Cimitero, scaricherebbe, in una sola soluzione il costo del nuovo loculo a chi lo acquisterà dalla nuova ditta concessionaria . Attualmente, invece, chi ha bisogno di un loculo comunale in concessione per 18 anni, paga al Comune 650 € cifra stabilita con D.G.M. n. 60/2012 ( allegata) adeguata poi all’indice Istat alla data odierna con ulteriore Delibera di Giunta n. 83/2013 .

Si tenga presente, cosa importantissima – specifica Ciro Gianfreda, capogruppo per Forza Italia nel consiglio Comunale di Grottaglie, che nelle 650€ sono presenti oltre al prezzo di concessione del Loculo, che è pari a 290€, ci sono anche il prezzo delle operazioni di estumulazione/inumazione € 284,26€ (IVA Compresa) a cui vanno aggiunti le Spese generali € 57,42, cifre tutte aggiornate all’indice ISTAT e che oggi sommano come abbiamo già detto a 650€. A questa somma vanno poi aggiunte 400€ iva compresa, per la lapide in marmo e non 550€ come affermato da Stefani. Capite bene , che in questo modo l’Assessore tende a favorire l’eventuale concessionario facendo pagare al cittadino il Loculo almeno 2200€ + Iva e in più la tumulazione in loculo, alla modica cifra di 250€ +IVA, quindi quasi 3000€. Un vero proprio risparmio per i Grottagliesi, non è vero Assessore? Che vergogna, Io la chiamerei Rapina nelle tasche dei nostri concittadini .

Una ulteriore precisazione indirizzata sempre all’Assessore Stefani che vuole speculare sui defunti grottagliesi: a Settembre 2013, per la durata di un anno furono affidati i servizi di estumazione/inumazione e esumazione/tumulazione nel numero complessivo di 200 operazioni annue alla Serveco, al costo definitivo di 181,20€ iva compresa, più 8,5€ per oneri di sicurezza cioè per complessive 189,70€ prezzo accettato attualmente dalla Serveco nella proroga data da Lei , sempre alla Serveco per le prossime operazioni cimiteriali sopra descritte. Assessore Stefani, perchè ritiene favorevoli le 250€+IVA proposte nella convenzione che Lei vuole sottoscrivere con il promotore e che gestirà i prossimi 30 anni i servizi cimiteriali grottagliesi e non le 189,70 attuali?. Non le sembra che Lei in questo modo voglia favorire palesemente un privato a scapito dei Cittadini Grottagliese? Quali sono i risparmi che Lei intravede o i guadagni per i cittadini, forse le Royaltis dell’8% dai servizi cimiteriali o il 10% dalle cremazioni che secondo lei si aggireranno a oltre 60 mila euro annui?

Guardi Assessore – afferma ancora Gianfreda – questa storia l’abbiamo già sentita a proposito delle Royaltis della discarica dove avremmo dovuto pagare meno Tarsu, (ora TARI). Invece cosa è accaduto, esattamente il contrario, state dissanguando i cittadini grottagliesi portando al massimo la TARI (Tassa sui rifiuti), in cambio invece hanno avuto, tre lotti di discarica di rifiuti speciali e ora si preparano a farne forse anche un altro. Una raccolta differenziata nel 2014 ferma 14,99% a dir poco ridicola. Una tassazione elevatissima tra IMU e Addizionale Irpef che sta letteralmente impoverendo le famiglie grottagliesi, spingendole a indebitarsi o a non pagare le rate in scadenza. Ora Vi mettete anche con i rincari e la speculazione sui Defunti, dove vuole arrivare Lei e il Sindaco Alabrese?

Infine e concludo Assessore Stefani, se Lei con al scusa della realizzazione del Tempio della Cremazione (pratica a cui non sono Contrario) , fa realizzare alla concessionaria anche 51 cappelle da vendere a privati a 60 mila euro più circa 300 loculi da rivendere alle cifre innanzi citate e concede l’area come previsto in progetto, attualmente occupata dal campo di inumazione da 483 posti e per una superficie 2140 mq dove metterà i corpi attualmente presenti in questo campo? In futuro come farà a gestire l’intero cimitero ed eventuali emergenze sanitarie e di altro tipo, con i soli campi di inumazione denominato (A) da 1200 mq e 378 posti e da quello denominato (B)da 228 posti e 640 mq di superficie? Forse Lei, il Sindaco e la vostra Maggioranza state imponendo oltre alla privatizzazione del cimitero e l’arricchimento di un privato, indirettamente anche la cremazione obbligatoria? Che fine ha fatto la liberta dell’individuo e la scelta di essere seppellito oppure cremato? Voi sareste i democratici? Ma Per favore!

Pertanto ribadisco – conclude Ciro Gianfreda, capogruppo per Forza Italia nel consiglio Comunale di Grottaglie, Si alla costruzione immediata della Cappella da 100 Posti, più 40 cellette di cui l’ufficio tecnico ha già pronto anche il Progetto Definitivo ed Esecutivo quindi in pochi giorni appaltabile. Si alla progettazione e costruzione dell’altra tomba comunale da 500-600 posti prevista nel cimitero nuovo e nel programma triennale nell’annualità 2015 con risorse da programmare nel prossimo Bilancio di Previsione 2015. No allo sfruttamento del Campo di inumazione presente nel cimitero nuovo per altri scopi tranne che per l’utilizzo a cui oggi è stato destinato per Legge. No alla gestione privatistica dell’intero cimitero, si alla gestione diretta del cimitero di Grottaglie cosi come fatto fino ad oggi e con costi contenuti come quelli applicati dai nostri uffici. No alle royalts sui defunti .
Vergognatevi. Oltre a lucrare sui rifiuti volete speculare anche sui nostri morti