Oggi 29 aprile è festeggiata la Giornata Internazionale della Danza promossa dall’International Dance Council dell’UNESCO. Una giornata di festa che accomuna tutti i paesi del mondo.

La commemorazione è istituita nel 1982 per il Comitato Internazionale della Danza – C.I.D. dell’Istituto Internazionale del Teatro (ITI-UNESCO). La data commemora la nascita di Jean-Georges Noverre (1727-1810), che fu il più grande coreografo della sua epoca, il creatore del balletto moderno. Nel 2013 si è celebrato il quarantesimo anniversario del C.I.D.

Per la prima volta i teatri, le accademie e le scuole sono chiuse in questo giorno celebrativo, quest’anno si danzerà quindi online, in streaming. Una circostanza e un modo di interagire divenuto in queste settimane ormai l’unico mezzo per poter comunicare in presa diretta.

Come in tutta Italia anche le realtà presenti in provincia di Taranto hanno cercato di esser vicini ai propri allievi. A Grottaglie la scuola di danza “Asd Dejanira Ballet”, come diverse altre realtà, ha rivisitato tutti i programmi di danza in base alle esigenze degli allievi e del momento, tenendo giornalmente delle video lezioni. Non dirette social, ma video lezioni interattive.

“Tutti gli esercizi sono sempre dimostrati da me: durante la pratica, gli allievi vengono visionati e corretti. A seguire si discute sulla teoria dell’esercizio svolto e gli allievi possono fare le domande che ritengono necessarie. Nelle dirette social, invece, non c’è alcun tipo d’interazione con l’insegnate, pertanto non è una video lezione vera e propria. Inoltre, visiono le lezioni non da un pc o da cellulare, ma da un video proiettore, per poter osservare nella maniera migliore possibile tutti gli allievi”.

La maestra Dejanira è sempre a disposizione dei suoi allievi, anche con video lezioni private.

“La danza – ha aggiunto la maestra Dejanira – è la nostra vita e vogliamo condividerla con i nostri allievi anche a distanza. Non sappiamo fino a quando queste misure restrittive resteranno in vigore, ma una cosa è certa: l’Amore per la Danza è forte e ci unisce, anche se a distanza.”