immagine d'archivio

Questa mattina, girando per le strade di Grottaglie, è possibile rivedere i venditori ambulanti. Circa dieci giorni fa il sindaco Ciro D’Alò aveva emesso una ordinanza con la quale aveva sospeso il commercio su area pubblica in forma itinerante su tutto il territorio comunale sino al 31/12/2020 e comunque sino alla scadenza del termine dello stato di emergenza da Covid-19.

La scelta di questo drastico provvedimento, spiegò il primo cittadino, scaturì – si legge nell’ordinanza – “a seguito della generale inottemperanza da parte degli esercenti del commercio alimentare ambulante della inosservanza delle misure igienico sanitarie ed in particolare il posizionamento sul marciapiede pubblico di cassette contenenti alimenti offerte alla vendita e seguito della generale inosservanza da parte dei titolari di autorizzazione all’esercizio del commercio su area pubblica in forma itinerante, dell’obbligo di esercitare l’attività in forma ambulante. E’ stato verificato, infatti, che i suddetti commercianti stazionano in maniera permanente, anche in assenza di clientela, su spazi di area pubblica arbitrariamente scelti in quanto non inseriti nei vigenti strumenti di programmazione commerciale comunale.”

Considerata la impossibilità di assicurare un costante controllo quotidiano che garantisca il rispetto delle norme igienico sanitarie e della normativa di settore il sindaco ordinò con effetto immediato, la sospensione del commercio su area pubblica in forma itinerante su tutto il territorio comunale sino al 31/12/2020 e comunque sino alla scadenza del termine dello stato di emergenza da Covid-19.

Questa mattina però si rivedono gli ambulanti in strada. Il Sindaco avrà modificato l’ordinanza?