Il Comune di Taranto ha ricevuto nella mattinata odierna, presso l’Antico Frantoio Normanno ipogeo, la targa di riconoscimento della autorevole certificazione internazionale indipendente “Herity” (herity.com), rilasciata a fronte di una impegnativa istruttoria, nel biennio 2017-19, dall’omonima Organizzazione per la Gestione di Qualità e del Patrimonio Culturale.

“È la prima certificazione assoluta a Taranto in questo ambito – ha dichiarato visibilmente soddisfatto il Sindaco Melucci alla cerimonia di consegna, che ha tra gli altri visto l’intervento del Segretario Generale di Herity Italia dott. Maurizio Quagliuolo e della dott.ssa Eugenia Vantaggiato del Segretariato Regionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali per la Puglia – abbiamo molto da fare per riqualificare, rendere perfettamente fruibile ed attrattiva la stupefacente e largamente inesplorata rete della Taranto sotterranea, patrimonio unico nel suo genere e soprattutto nella sua potenzialità. Questa certificazione, che intendiamo estendere presto ad altri siti significativi dell’Isola Madre, sarà uno sprone per noi ad accelerare sui nostri progetti e le manutenzioni, oltre che un importante volano alla promozione delle bellezze di Taranto.”

 

HERITYper TARANTO
dagli ipogei ai futuri scenari di sviluppo

Lunedì 17 Giugno 2019
ore 10.50 ca. su RAI Tre

HERITY, Organismo Internazionale non governativo e non profit per la Gestione di Qualità del Patrimonio Culturale, deriva il proprio nome dall’unione delle due parole HERITAGEe QUALITY.

L’idea di HERITYnasce nel 1994 su iniziativa del DRIe dalla constatazione dell’esigenza che occorre amministrare al meglio il nostro capitale di beni culturali, nei quali risiede la memoria collettiva dell’Umanità e la storia di ogni essere umano o sua aggregazione nel tempo.

Oggi, questo patrimonio riveste anche importanza strategica dal punto di vista dello sviluppoeconomicoe del raggiungimento di una migliore comprensione reciproca fra i popoli; in altre parole le condizioni per la pace.

Non è un caso infatti che fra i bersagli maggiormente colpiti in caso di conflitto vi siano proprio i segni della culturae della storia di un popolo o di un gruppo umano.

E proprio con un  bersagliosi è voluto manifestare il principale risultato ad oggi raggiunto da HERITY. Un bersaglio che serve questa volta a colpire la percezione del visitatore e dell’addetto ai lavori, stimolandoli a prestare attenzione alle condizioni del bene culturale da essi condotto o visitato, e ricordando loro che tali condizioni dipendono anche dal proprio comportamento.