È convocata per domani, giovedì 8 agosto alle 10.30 al Teatrino del Convitto Palmieri (piazza Carducci a Lecce), la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “Il Film più Bello: la Puglia”. Si tratta dell’avvio della selezione delle più belle dimore e residenze d’epoca e storiche della Puglia disponibili come location e set per produzioni cinematografiche e televisive, internazionali e nazionali.

All’incontro saranno presenti: Loredana Capone, assessore alla Cultura e al Turismo della Regione Puglia, Ivan Drogo Inglese, presidente Assocastelli, Luca Bandirali, componente del Consiglio di Amministrazione di Apulia Film Commission, e Cristina Caiulo, console di Assocastelli per la Puglia.

L’iniziativa è promossa da Assocastelli in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e Turismo della Regione Puglia e alla Fondazione Apulia Film Commission.

Il prossimo 31 agosto, invece, sarà organizzato un evento a Palazzo Cavanis di Venezia in occasione della Mostra Internazionale del Cinema. Palazzo Cavanis ospiterà, inoltre, la mostra “Pino Pascali: dall’Immagine alla Forma” a cura della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano Mare.

La Puglia nel cinema e nella televisione 

La Puglia – con i suoi capolavori, le sue architetture e il suo patrimonio – è certamente uno dei territori regionali che maggiormente è apparsa e continua ad apparire nelle produzioni cinematografiche e televisive, sia internazionali che nazionali.
 
Tutto cio’ rappresenta la più efficacie ed importante azione di marketing e promozione del territorio. Per questo motivo Assocastelli intende promuovere e sviluppare queste potenzialità avviando una serie di iniziative dedicate a questo scopo. 
 

La collezione

Contiene la selezione di 25 dimore e residenze d’epoca e storiche disponibili come set cinematografici e televisivi. 
 
Si tratta di uno strumento di grande utilità per le case di produzione cinematografiche e televisive e per i location manager ai quali consente di effettuare le loro scelte preliminari. 
Fornisce oltre alle immagini anche tutte le informazioni tecniche relative alle dimore ed è corredata di molte immagini. 
 
Per ogni dimora saranno inoltre indicate le referenze cinematografiche e televisive. 
 

Le dimore e residenze d’epoca e storiche di Assocastelli disponibili come location e set per produzioni cinematografiche e televisive

castello dentice frasso san vito normanni brindisi puglia assocastelli
Castello Dentice di Frasso

 
Nel cortile è ancora conservata la torre quadrata voluta nell’anno 1100 da Boemondo I d’Altavilla, principe di Taranto, detto il Normanno.
In seguito fu della famiglia Sambiase, poi dei Del Balzo Orsini, di Federico I d’Aragona principe d’Altamura, dei Palagano.
Nel ‘600 è di Giovanni Antonio Albrizio principe di Avetrana, poi del barone Ottavio Serra e infine di Giuseppe Belprato Marchese.
Nel ‘700 viene portato in dote da Maria Francesca Caracciolo, principessa di San Vito, che sposa il principe Placido Dentice di Frasso. 
Negli anni ’40 il re Vittorio Emanuele III e la regina Elena del Montenegro, diretti a Brindisi, soggiornarono nel castello.
 
Ubicazione: San Vito dei Normanni (Brindisi)
 
castello nuovo palazzo barrile spinelli trepuzzi lecce puglia assocastelli
Castello Nuovo (Palazzo Barrile Spinelli)

 
Fu voluto dalla famiglia Condò e poi, nel ‘700, passò al duca Francesco Carignani. 
Nel ‘600 Gian Domenico Condò fece erigere la cappella dedicata ai santi apostoli Giacomo e Filippo.
 
Ubicazione: Trepuzzi (Lecce)
 
castello valentini morciano leuca lecce puglia assocastelli
Castello Valentini

 
Fu voluto da Gualtieri VI di Brienne conte di Conversano e di Lecce, nel ‘300, come postazione di difesa dalle incursioni di Francesco Della Ratta, conte di Caserta. Gualtieri aveva sposato Margherita, figlia di Filippo I di Taranto.
Conserva tre torri poiché nel ‘500 il proprietario, barone Ruggero Sambiasi, fece abbattere la quarta per consentire la costruzione del convento dei padri Carmelitani, a sua volta abbattuto negli anni ’60.
 
Ubicazione: Morciano Leuca (Lecce)
 
masseria brancati ostuni brindisi assocastelli
Masseria Brancati

 
Il nucleo centrale con il frantoio ha origini cinquecentesche mentre la chiesa è stata realizzata nel ‘700.
Appartenuta in origine ai Brancati, poi ai Piscopo e infine ai Rodio (due esponenti furono sindaci di Ostuni) imparentati con i Tanzarella.
E’ anche una azienda agricola che si estende per circa 30 ettari e dove si produce olio extravergine di oliva e dove è presente un antico frantoio.
Vi sono stati ricavanti 3 appartamenti disponibili per ospitalità.
Nella masseria sono appena state ultimate le riprese del film La Vita Davanti a se del regista Edoardo Ponti interpretato dall’attrice Sophia Loren.
 
Ubicazione: Ostuni (Brindisi)
 
masseria pagani nardo lecce puglia assocastelli
 
Masseria Pagani

 
E’ situata a Nardò, tra Gallipoli e Lecce. 
Nel ‘500 apparteneva ai Pagano, principi di Avetrana, che vendettero il loro feudo agli Albizi.
Poi passò ai marchesi De Noha e, infine negli anni ’50, alla famiglia Conversano.
Il famoso tenore Tito Schipa, negli anni ’50 e ’60, fu spesso ospite della masseria.
 
Ubicazione: Nardò (Lecce)
 
palazzo accolti gil conversano bari assocastelli
Palazzo Accolti Gil

 
Appartiene alla nobile famiglia degli Accolti Gil formatasi nel ‘600 a seguito del matrimonio tra Giovanni Battista Accolti e la nobil donna rutiglianese Grazia Gil.
 
Ubicazione: Conversano (Bari)
 
palazzo antonelli rutigliano bari assocastelli
Palazzo Antonelli

 
Appartenente alla famiglia dei conti Antonelli.
Un importante restauro venne eseguito nell’800 quando il conte Ottaviano Antonelli sposò la contessa Caterina Mocenni.
I Mocenni erano una nobile famiglia di Siena che, sempre nell’800, diede i natali al generale Stanislao Mocenni. 
La famiglia Antonelli è nota a Bari per le attività nel settore della fotografia.
Tra gli ultimi proprietari, nel ‘900, Pasquale Antonelli che fu podestà di Rutigliano.
 
Ubicazione: Rutigliano (Bari)
 
palazzo bacile castiglione spongano lecce puglia assocastelli
Palazzo Bacile di Castiglione

Cinquecentesco appartiene alla famiglia dei baroni Bacile di Castiglione, nobili originari delle Marche.
Nell’800 fu ampliato dal barone Filippo Bacile di Castiglione poichè doveva ospitare i suoi 14 figli.
Filippo, imprenditore oleario, fu il finanziatore, agli inizi del ‘900 della linea ferroviaria Maglie-Spongano-Gagliano Leuca.
Il palazzo ha un giardino con piscina e un frantoio ipogeo.
 
Ubicazione: Spongano (Lecce)
 
palazzo rossi caprarica lecce puglia assocastelli
Palazzo Rossi

Costruito nel ‘600 dal marchese Francesco Maria Giustiniani. 
Nel ‘700 passa al barone Giovan Battista Rossi.
I baroni Rossi furono gli, ultimi feudatari di Caprarica.
All’interno una cappella dedicata alla Madonna delle Anime Purganti.
 
Ubicazione: Caprarica (Lecce)
 
palazzo granafei sternatia lecce assocastelli
Palazzo Granafei

La costruzione iniziale è opera dei baroni Cicala di Sternatia, dal ‘700 fu residenza della famiglia dei Granafei, marchesi di Serranova.
Custodisce gli affreschi di Serafino Elmo e una tela seicentesca di Cesare Fracanzano.
 
Ubicazione: Sternatia (Lecce)
 
 
torre normanna rutigliano bari assocastelliTorre Normanna
 
E’ la torre normanna più ben conservata di tutta la Puglia, alta quasi 40 metri, ultima testimonianza del Castello di Rutigliano edificato da Ugo Bassavilla, detto il Normanno, primo conte di Rutigliano e demolito nel ‘600.
Nell’800 è della famiglia Ribera e poi di Rocco Torres.
Ciò che ne rimane appartiene alla famiglia dei conti Antonelli grazie al matrimonio, nell’800, tra Nicola Maria Antonelli e Nicoletta Torres.
Tra gli ultimi proprietari Pasquale Antonelli che fu podestà di Rutigliano.
Il recente restauro è opera degli architetti Francesco Fuzio e Angelo Ambrosi, mentre gli affreschi sono stati restaurati da Giovanni Boraccesi.
 
Ubicazione: Rutigliano (Bari)
 
villa romanazzi carducci bari assocastelli
Villa Romanazzi Carducci

 
La villa è situata nel centro di Bari e apparteneva alla famiglia Romanazzi Carducci originaria di Putignano.
Nell’800, per matrimonio, tra Giuseppe Romanazzi e Rachele Carducci le due famiglie si unirono e successivamente venne concesso il titolo di marchese.
A fine ‘800 Giuseppe Romanazzi acquista la villa dal commerciante di origine tedesche Federico Maurizio Liebe.
L’ultimo proprietario, appartenente a questa famiglia, fu il marchese Leonardo Romanazzi Carducci che sposò Maria Porro Spagnoletti Zeuli.
 
Ubicazione: Bari