Dopo i clamorosi successi ottenuti come fumettista, l’artista tarantino Gianfranco Vitti ritorna alla sua passione per l’acquerello. Sabato 14 febbraio alle ore 18 nella cornice della Libreria Gilgamesh, sita in via Oberdan 45 a Taranto, si inaugurerà la mostra dal titolo DI LUCE E DI ACQUA.

Verranno esposte una quarantina di opere che l’artista ha realizzato negli ultimi anni, e che regaleranno si visitatori sensazioni di delicatezza e leggerezza, coerentemente con la giornata degli innamorati.
L’evento è stato patrocinato dal Comune di Taranto, dal Circolo fotografico il Castello, sempre attento alle iniziative artistiche della città e dal Presidio del Libro di Taranto Rosa Pristina.

Durante la serata, ci sarà anche un momento dedicato alla poesia d’amore, con Luigi Pignatelli, presidente dell’associazione Hermes Academy, che declamerà brani di Hikmet, Prevert, Garcia Marquez.

Presenterà la serata Mara Venuto, scrittrice, giornalista ed editor.
La mostra rimarrà allestita fino al 21 febbraio, e sarà visitabile tutti i giorni esclusa la domenica negli orari di apertura della Libreria Gilgamesh: 9-13, 17-20,30. L’ingresso è libero.

Gianfranco Vitti, classe 1975, laureato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Lecce, nel 2012 è stato vincitore, insieme a Fabrizio Liuzzi e Gabriele Benefico, in occasione del festival del fumetto Lucca Comics, del Lucca Project Contest con la graphic novel Delitto d’autunno. Taranto, negli anni 50, diventava scenario delle avventure dell’investigatore Dupin.
Nel 2014 i tre artisti hanno dato seguito al progetto con Torrido inganno, seconda avventura con lo stesso protagonista.

Per ulteriori info: 099 4538199.