Cesto-Frutta

È stata inaugurata sabato sera, in via Calò n°16, la nuova sede Coldiretti di Grottaglie. Numerosi i cittadini che si sono uniti all’evento durante il quale è stato possibile degustare prodotti biologici a km 0.

La Coldiretti ha detto il vice presidente della confederazione grottagliese, Nicola Motolese – torna ad operare nella nostra città in veste rinnovata. Con questo cambio di sede allo storico lavoro del nostro Patronato, si affiancheranno i servizi di Campagna Amica, progetto che valorizza la filiera corta, portando in maniera diretta il prodotto dalla campagna alla tavola dei consumatori. Coldiretti, infatti, da sempre al fianco degli agricoltori, oltre ad espletare tutte le attività di patronato classiche, è attiva anche nel settore “Food” con il progetto Campagna Amica, ormai punto di riferimento per i consumatori che preferiscono qualità, tracciabilità e garanzia del prodotto che finisce sulle loro tavole. Il famoso Km “0” e dal “produttore al consumatore” sono slogan che fanno ormai parte del nostro marchio”.

La nostra confederazione – ha ricordato Motolese – è sempre presente ai tavoli istituzionali per la difesa del territorio di cui gli agricoltori sono i custodi, un ruolo ormai riconosciuto anche da Bruxelles. A breve ci saranno iniziative atte ad un riconoscimento di un marchio per la nostra produzione di eccellenza, l’uva da tavola “Victoria”, che per le sue qualità organolettiche e per la sua precocità di maturazione è apprezzata in Italia ma soprattutto all’estero”.

La sede Coldiretti di Grottaglie sarà coordinata da Oronzo Cavallo – responsabile dell’EPACA (ente per l’assistenza e il patrocinio ai cittadini e l’agricoltura) – e Eduardo Falcone – responsabile del CAF (centro assistenza fiscale) e del CAA (centro assistenza agricoltura).
Nonostante la grande difficoltà che attraversa il nostro comparto – ha detto il presidente della Coldiretti Grottaglie, Franco D’Urso – siamo riusciti a fare una operazione eccezionale aprendo la nuova sede della nostra confederazione nel centro della città, proprio difronte ad una scuola elementare. Ci stiamo prodigando per la diffusione di prodotti biologici. Attività che interessa sempre maggiormente sia i produttori che i consumatori. Quest’ultimo tende sempre più a voler consumare prodotti genuini. Speriamo che la cittadinanza grottagliese apprezzi la nostra presenza sul territorio e che soprattutto le istituzioni si rendano finalmente conto che l’agricoltura esiste ed è un settore trainante dell’economia. Questo non solo per i posti di lavoro che offre, ma anche per l’attenzione nei confronti dell’ambiente. Perché si sa, l’agricoltura per vivere deve pulire intorno a se”.