“Garantire la piena funzionalità della biblioteca comunale era al primo punto della sezione cultura della proposta politica ed elettorale del circolo grottagliese. La biblioteca, oggi aperta ai cittadini, era attesa da 25 anni; da quando, nel 1993, l’immobile, da adibire a biblioteca, fu donato da Bianca Traversi, vedova del senatore Pignatelli, insieme ad un importante fondo librario appartenuto all’illustre grottagliese”, cosi Angela Santoro, segretario cittadino di Sinistra Italiana, il gruppo consiliare presente in massima assise con il consigliere Franco Galiandro.

Si ribalta e si allarga l’idea della biblioteca, che diventa non solo un luogo per la custodia e per il prestito dei libri, ma uno spazio aperto ai cittadini e alle associazioni, con arredi modulari, che si adatteranno alle attività, strumenti multimediali, tecnologie per la facilitazione della lettura in caso di disabilità, luoghi in cui promuovere iniziative con le associazioni locali, per dare corpo e anima al progetto e, infine, un angolo dedicato alle giovane mamme e ai bambini con pochi mesi di vita, per avviare la lettura sin dall’infanzia.

“Per una serie di difficoltà tecniche e burocratiche, la stessa struttura non era stata mai, fino ad oggi, pienamente fruibile. Un plauso, dunque, al lavoro dell’assessore Elisabetta Dubla – il cui principale obiettivo è stato restituire alla città la biblioteca – e all’impegno dell’Ufficio Cultura del Comune, guidato da Daniela de Vincentis. Un traguardo – come è stato detto nel dibattito di presentazione -, ma anche un punto di partenza, perché sarà una biblioteca di comunità, la biblioteca per la cittadinanza e della cittadinanza, destinata, in particolare, ai bambini e ai ragazzi”, continua la nota di Angela Santoro.

Protagonisti privilegiati saranno i bambini, per i quali sarà incrementata l’offerta culturale, anche avvalendosi del gioco come concetto chiave della biblioteca di comunità e di inclusione sociale. Sarà una biblioteca intesa come ecosistema tecnologico, economico e sociale, in cui si scopre un senso autentico di comunità che ha origine nel fare, nel progettare e nel condividere, anche con la straordinaria vitalità del territorio, associazioni e comitati, con i quali sono state già avviate forme di partenariato.

Biblioteca Comunale di Grottaglie. Orari di apertura, Servizi attivi, Patrimonio

“Un risultato importante, che risponde ad un impegno di Sinistra Italiana, comunicato nella campagna elettorale, e alle esigenze della comunità. Il circolo di Sinistra Italiana di Grottaglie esprime soddisfazione per l’inaugurazione della biblioteca comunale Gaspare Pignatelli e per il relativo progetto di “community library”, dichiara il segretario cittadino di Sinistra Italiana di Grottaglie, Il Comune è vincitore di un bando promosso dalla Regione Puglia; ha partecipato all’avviso Por Fesr Puglia 2014-2020, asse VI, azione 6.7, progetto “InBiblioteca”, finanziato dalla Regione Puglia con 380mila euro. Il progetto, promosso dall’assessorato alla cultura, guidato da Elisabetta Dubla, rappresentante di Sinistra Italiana nella giunta comunale e redatto dallo studio Mas dell’architetto Francesco Lasigna, è stato presentato all’interno della biblioteca, alla presenza del sindaco Ciro D’Alò, dell’assessore comunale alla cultura Elisabetta Dubla, di Antonella Agnoli, esperta di biblioteche ed assessore alla cultura del Comune di Lecce e dello stesso architetto Lasigna”.

L’assessorato comunale alla cultura, con ostinazione e capacità, ha saputo individuare e ‘centrare’ il bando della Regione Puglia “Smart-in Community library, per la valorizzazione, la fruizione e il restauro dei beni culturali.

“Riteniamo interessante il progetto della biblioteca di Grottaglie, perché promuove l’inclusività e valorizza  – anche attraverso la ‘contaminazione’ con altre attività – il libro e la lettura, partendo dal concetto di cultura democratica, accessibile a tutti. Nel merito, il progetto interessa la modifica degli arredi pensati per essere adattati alle diverse esigenze funzionali, la qualificazione e rafforzamento dei servizi bibliotecari, soprattutto con il ricorso a tecnologie digitali, l’implementazione di diversi sistemi di accesso alla lettura, finalizzati all’abbattimento delle barriere percettive per mezzo di libri ad alta leggibilità, audiolibri, audio riviste, libri con sintesi vocali per mezzo di ausili informatici, libri braille e tattili e supporti tecnologici per l’apprendimento facilitato”.

ll progetto “Community Library” è stato finanziato con un contributo di 380.000 euro, dalla Regione Puglia, nell’ambito dell’avviso POR FESR PUGLIA 2014/2020, asse VI – azione 6.7.

Porte aperte nel 2008 con la “Settimana (s)bianca”

Nel 2008, durante il calendario degli eventi natalizi della “Settimana (s)bianca”, la città potette rivivere l’ex Villa Pignatelli con una apertura straordinaria della Biblioteca.

Due piani di allestimento riempirono i locali: sul primo le coinvolgenti fotografie di Ciro Quaranta e i suoi “Volti del lavoro”, un’opera pluridecennale che ha raccolto consensi di pubblico e critica a livello italiano, sul secondo piano, l’allestimento di Sarah Ciracì, artista grottagliese di livello internazionale che attraverso immagini prese dal sito della NASA ricostruiri lo scenario spaziale attraverso diapositive e videoproiezioni immergendo lo spettatore in un clima suggestivo. 

La “Settimana (s)bianca” fu un evento organizzato dall’Associazione La Banna, con Francesco Lenti e Michele Pierri.