«Si continua a confondere attività produttive con attività aeroportuali!» Ad affermarlo, dopo le ultime prese di posizione in merito al futuro aeroportuale ionico, è Gianni Lacava, già esponente e rappresentante del Comitato Arlotta 1995, sociologo della mobilità e trasporti, nonché componente del tavolo della mobilità presso la Camera di commercio di Taranto e partecipante ai comitati pro aeroporto presenti nella provincia di Taranto.

«Anche il sindacoprosegue Lacava – continua con questa disinformazione. Sa benissimo che nella premessa del Presidente della conferenza di servizi tenutasi a Bari ha ribadito chiaramente che l’aeroporto sarà interdetto al trasporto delle persone, come invece sancito ed accettato tra AdP e Enac. AdP non vuole altri concorrenti tra i piedi e sposando la causa occupazionale, anche se a discapito della legittimità trasformerebbe un Aeroporto in qualcosa che in Italia non esiste. E’ evidente il discutibilissimo ASSENZO di Enac, ma di questo saranno i giudici romani a valutare l’operato dell’ ente. Il parere favorevole espresso dai consiglieri comunali sta a significare che sono d’accordo a che non si usi l’aeroporto per viaggiare, come dovrebbe essere, ma si e d’accordo ad un uso improprio di una infrastruttura nata ed affidata alla società regionale per operare come a Bari e Brindisi.

Se la partita dovesse chiudersi qui – prosegue Lacava, possiamo dire addio alle speranze di avere un aeroporto funzionante. Per fortuna non finisce qui!! Dove sono finite le vocazioni pretestuose di aeroporto Cargo? L’Europa definisce piattaforme logistiche affiancate ad aeroporti in cui si espletano già attività di trasporto pax, quindi il termine Aeroporto cargo non rientra nella tipologia di specie ! Figuriamoci “aeroporto industriale!!! É un insulto all’intelligenza degli esperti del settore, non parliamo poi cosa capisce il cittadino!!Si affida ai suoi delegati…. Alla prossima.

Piuttosto – conclude Gianni Lacava – informatevi su ciò che accade a Napoli sull’aerospazio, e noi dovremmo essere noi i leaders nazionali del settore!»