Alle prime ore di questa mattina gli Agenti della Polizia di Stato hanno denunciato in stato di libertà due cittadini di nazionalità georgiana di 36 e 24 anni per furto aggravato e possesso di arnesi atti allo scasso .

Gli Agenti della Sezione Volante, sono intervenuti tempestivamente presso un condominio del centro cittadino a seguito di una telefonata giunta alla sala operativa 113 che segnalava la presenza di due persone sospette all’interno del citato condominio.

L’autore della telefonata, intorno alle 3.00 di questa notte svegliato da rumori sospetti, aveva visto dallo spioncino della sua porta d’ingresso due persone che, dove aver toccato la sua porta quasi a volerla “analizzare”, si allontanavo dalla scala antincendio. I poliziotti giunti rapidamente nella zona sorprendevano e fermavano i due uomini che non riuscivano a dare una convincente spiegazione circa la loro presenza sul luogo.

Da una prima perquisizione venivano rinvenuti indosso ad uno dei due alcuni arnesi atti allo scasso e cacciaviti di vario taglio.
Pertanto condotti negli uffici della Questura, i due cittadini georgiani, che come accertato avevano numerosi precedenti per furto in abitazione ed avevano a loro carico anche un provvedimento di espulsione dal territorio nazionale, venivano su disposizione dell’A.G. competente, denunciati in stato di libertà.

Le successive indagini, hanno anche permesso di accertare, con l’ausilio delle immagini a circuito chiuso di un sistema di video sorveglianza installato in un altro condominio, che i due fermati sono i responsabili di un altro furto in casa perpetrato lo scorso 18 gennaio.

Gli arnesi atti allo scasso e l’autovettura, una Nissan Primera, con la quale era giunti nei pressi del condominio venivano sequestrati.
Continuano gli accertamenti per stabilire la responsabilità dei due fermati in merito ad altri furti in appartamento denunciati nelle ultime settimane.